Ferretti, c'è l'accordo per tornare in fabbrica

Forlì - "Ci prediamo cura di ciò che ci sta a cuore" è la sintesi del protocollo firmato, tra i primi in Italia, tra il gruppo Ferretti e le organizzazioni sindacali nazionali, territoriali e locali del comparto industria-legno (Feneal Cgil, Fillea Cisl, Fenea Uil) per il contrasto alla diffusione del Coronavirus Covid-19 nei luoghi di lavoro

Forlì - "Ci prediamo cura di ciò che ci sta a cuore" è la sintesi del protocollo firmato, tra i primi in Italia, tra  il gruppo Ferretti e le organizzazioni sindacali nazionali, territoriali e locali del comparto industria-legno (Feneal Cgil, Fillea Cisl, Fenea Uil) per il contrasto alla diffusione del Coronavirus Covid-19 nei luoghi di lavoro.

Il protocollo si applicherà a tutte le attività lavorative all'interno degli uffici e degli stabilimenti del gruppo, alla ripresa dell'attività lavorativa totale o parziale, autorizzata tramite decreto governativo, normative legislative, o attraverso autorizzazioni prefettizie.

Il piano è stato sviluppato con la consulenza gratuita di Luca Richeldi, primario di pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma e membro del comitato tecnico scientifico istituito presso il dipartimento della Protezione civile. Il protocollo applica e rafforza le misure preventive richieste dai provvedimenti di legge per tutti i rientri sul lavoro.

Oltre alla già prevista sottoscrizione, gratuita per il dipendente e a totale carico dell’azienda, di una polizza sanitaria in caso di ricovero e degenza per infezione da Covid-19, le misure preventive applicate al rientro al lavoro prevedono precisi criteri di distanziamento fisico delle postazioni lavorative; la dotazione per ogni dipendente di dispositivi di protezione individuale per sé e per il proprio nucleo familiare; gel alcolico in flaconi individuali; percorso di accesso ai varchi disciplinato;  misurazione della temperatura corporea; ricorso alle forme di lavoro agile per tutte le categorie impiegatizie: “Ringrazio le organizzazioni sindacali per la collaborazione nella messa a punto e la condivisione di questo protocollo di prevenzione che è essenziale alla riapertura delle attività produttive dei nostri cantieri. La nautica è una splendida eccellenza del nostro Paese, che deve riprendere al più presto a navigare verso la ripresa. Siamo all’inizio di una stagione che né i lavoratori né l’azienda possono e vogliono perdere, per questo abbiamo stabilito di lavorare in sicurezza e con le migliori tutele possibili per proteggere quello che ci sta più a cuore: la salute di tutti e la capacità di realizzare prodotti unici al mondo" commenta Alberto Galassi, amministratore delegato di Ferretti Group. "Ci prendiamo cura di ciò che ci sta a cuore” sarà la campagna di sensibilizzazione interna al rispetto dei comportamenti di prevenzione all’interno dei luoghi di lavoro e all’utilizzo corretto dei dispositivi che l’azienda consegnerà ai lavoratori e alle loro famiglie per una sicurezza anche domestica. Questa iniziativa fa parte del più ampio progetto “A Wave of Caring” attraverso il quale Ferretti Group ha contribuito con donazioni e promosso campagne per la raccolta fondi a favore degli ospedali di tutti i territori dove hanno sede i cantieri del gruppo oltre che al Columbus Covid 2 Hospital, la struttura realizzata a tempo di record dalla Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: