Fincantieri scelta dalla Us Navy per il programma fregate: il contratto vale 5,57 miliardi

Secondo quanto dichiarato il contratto prevede l’opzione per la fornitura di un totale di 10 unità per un valore complessivo, se tutte le opzioni verranno esercitate, pari a 5,57 miliardi di dollari

di Luca Peruzzi

Genova - Importante successo di Fincantieri negli USA grazie al progetto delle fregate europee multiruolo FREMM. La US Navy ha annunciato ieri di aver aggiudicato a Marinette Marine Corporation di Fincantieri Marine Group (FMG) il programma per la realizzazione delle nuove fregate lanciamissili tipo FFG(X) con l’assegnazione di un contratto del valore di 795,1 milioni di dollari per la progettazione di dettaglio e la costruzione dell’unità capoclasse. Secondo quanto dichiarato il contratto prevede l’opzione per la fornitura di un totale di 10 unità per un valore complessivo, se tutte le opzioni verranno esercitate, pari a 5,57 miliardi di dollari. Poichè il programma FFG(X) prevede la realizzazione di 20 fregate per un valore stimato di oltre 10 miliardi di dollari, le successive unità verranno acquistate con una nuova gara.

L’aggiudicazione del programma USA FFG(X) rappresenta non soltanto un successo per Fincantieri che grazie alle sue capacità è stata in grado di posizionarsi sul mercato americano e non soltanto ma anche il riconoscimento delle potenzialità del progetto per le fregate europee multiruolo tipo FREMM, voluto e portato avanti nell’ambito del programma bi-nazionale italo-francese dai due Paesi e dalle rispettive Marine e nel caso del progetto italiano, alla ribalta in diversi programmi internazionali come in Australia ed oggi in Egitto. Nel caso del programma FFG(X), la soluzione offerta da Fincantieri si è dimostrata migliore rispetto ai contendenti, rappresentati dai colossi cantieristici americani Huntington Ingalls Industries, General Dynamics Bath Iron works con il progetto del gruppo spagnolo navantia F100 e quello dei cantieri Austal USA basato sulla LCS classe Independence. Il programma FFG(X) prevede una dotazione elettronica e d’armamenti di provenienza nazionale che viene fornita dal Governo americano e quindi al di fuori del valore del contratto assegnato a Marinette Marine e relative opzioni, così come un elevato contenuto nazionale per i contratti assegnati per la piattaforma, propulsione e relativi sistemi. “Le unità tipo FFG (X) saranno una componente importante della nostra futura flotta", ha dichiarato il Capo di Stato Maggiore della Marina americana, l'ammiraglio Mike Gilday. "la nuova piattaforma FFG (X) rappresenta l'evoluzione delle Small Surface Combatant (ndr le unità Littoral Combat Ship, di cui Fincantieri costruisce le unità classe Freedom) con potenziata letalità, sopravvivenza e migliorata capacità di supportare la Strategia di Difesa Nazionale (National Defense Strategy) nell’ambito dell'intera gamma di operazioni militari. Sicuramente ci aiuterà a condurre le operazioni marittime distribuite in modo più efficace e migliorerà la nostra capacità di combattere sia in alto mare che in ambienti costieri contesi", ha aggiunto lo stesso responsabile della US Navy. "Sono molto orgoglioso del duro lavoro svolto dai team di sviluppo dei requisiti, acquisizione ed i team industriali che hanno partecipato alla gara, consentendo alla Marina di prendere questa importante decisione oggi", ha affermato James Geurts, Assistant Secretary della Marina americana per la ricerca, sviluppo e acquisizione. “Durante tutto questo processo, il team governativo e i nostri partner industriali hanno contribuito in via spedita e disciplinata, che ha consentito l’assegnazione del contratto con tre mesi di anticipo. La forte attenzione del team su costi, acquisizione e rigore tecnico, ha permesso al Governo di offrire il miglior valore per i nostri contribuenti mentre consegniamo una fregata di prossima generazione altamente capace ai nostri marinai", ha aggiunto l’Assistant Secretary della US Navy. Questo approccio, ha aggiunto la US Navy, ha consentito di raggiungere “un costo medio per le unità dalla seconda alla ventesima che è inferiore a quello fissato e si allinea all'obiettivo dichiarato della Strategia di Difesa Nazionale di raggiungere una forza navale più letale, resiliente e agile, perseguendo strategie di acquisizione per costruire navi in modo più rapido ed economico”.

Secondo quanto stabilito dalla richiesta di budget 2021 della US Navy, il programma prevedeva l’assegnazione del contratto per la capoclasse nel 2020, come si è verificato ma in anticipo rispetto all’iniziale programmazione che fissata tale data per luglio prossimo, per la seconda unità nel 2021 e la terza nel 2022, mentre le successive sette fregate verranno ordinate rispettivamente nel 2023 (2 unità), 2024 (2 unità) e 2025 (3 unità). La consegna della capoclasse è prevista nel luglio 2026 mentre la seconda segue di tre mesi nell’ottobre dello stesso anno. Fincartieri Marinette Marine ha dichiarato all’inizio dell’anno che effettuerà importanti investimenti nel cantiere di Marinette (Wisconsin), nell’ordine degli 80-100 milioni di dollari di provenienza sia privata che pubblica, per poter realizzare le nuove fregate tipo FFG(X) con un dislocamento praticamente doppio e dimensioni maggiorate rispetto alle attuali unità LCS in fase di produzione in loco per la US Navy e la Marina dell’Arabia Saudita.

©RIPRODUZIONE RISERVATA