Demolizione e riciclaggio navi, firmati due decreti

Li ha annunciati Maria Teresa Di Matteo, direttore generale trasporto marittimo del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili e vicecapo di gabinetto intervenendo al Forum "Towards a low-carbon shipping industry / Trasporto marittimo e ambiente: idee, progetti, investimenti" organizzato da Ttm, Secolo XIX, The Meditelegraph e L'Avvisatore marittimo.

Genova - Due decreti, uno già firmato e uno in arrivo a breve, per fare chiarezza e sostenere demolizioni e riciclo delle navi in Italia. Li ha annunciati Maria Teresa Di Matteo, direttore generale trasporto marittimo del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili e vicecapo di gabinetto intervenendo al Forum "Towards a low-carbon shipping industry / Trasporto marittimo e ambiente: idee, progetti, investimenti" organizzato da Ttm, Secolo XIX, The Meditelegraph e L'Avvisatore marittimo.

«Il provvedimento emanato il 26 maggio riguarda i requisiti generali per i piani di riciclaggio delle navi con le linee guida alla cui stesura ha partecipato il comando generale delle Capitanerie - ha detto la Di Matteo -. E conto di portare a casa velocemente e presto anche il secondo decreto previsto dalla Finanziaria con risorse per il riciclaggio e la rimozione e demolizione delle navi abbandonate con uno stanziamento di 2 milioni di euro per il 2021 e 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2022». Provvedimenti attesi anche dalle Autorità di sistema portuale, che chiedono di stabilire una chiara suddivisione di responsabilità, come ha spiegato il presidente del porto di Ravenna Daniele Rossi, raccontando la sua esperienza con la demolizione del relitto della Berkan B. Per il neopresidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, alla sua prima uscita pubblica: «Non si tratta di spostare il cerino della responsabilità, ma servono norme» e «le demolizioni possono diventare una fonte di business intelligente. L'87% dei materiali della Costa Concordia sono stati recuperati, vuol dire accostare il concetto di sostenibilità a quello di business».

©RIPRODUZIONE RISERVATA