Fincantieri, nuove opportunità: lavori su "Cavour", "Duilio" e "Doria"

Si amplia il programma di attività del settore difesa di Fincantieri. L’azienda in Liguria ha il suo ramo dedicato alla cantieristica militare e ha acquisito definitivamente l’incarico di rinnovare e modernizzare le navi maggiori in dotazione alla Marina

di M.A.V.

La Spezia - Si amplia il programma di attività del settore difesa di Fincantieri. L’azienda in Liguria ha il suo ramo dedicato alla cantieristica militare e ha acquisito definitivamente l’incarico di rinnovare e modernizzare le navi maggiori in dotazione alla Marina. Si tratta di due distinte procedure negoziate attraverso le quali l’azienda ha ottenuto una commessa da 13,5 milioni di euro divisa in interventi di “prestazione necessaria per il sostegno logistico del sistema di piattaforma” della portaerei "Cavour" (7,5 milioni di euro) e di un contratto (sei milioni) per la “fornitura di un sostegno logistico del sistema di piattaforma” le navi "Doria" e "Duilio". Non è stata ancora definita la localizzazione degli interventi, che comunque interesseranno maestranze e strutture del Muggiano, ma che sicuramente non verranno realizzate in quello stabilimento che oggi è già saturo. Per l’ammodernamento dei due cacciatorpediniere, "Duilio" e "Doria", c’è la possibilità di operare in Arsenale, alla Spezia, ma non simultaneamente, in modo da avere una delle due navi sempre operativa.

Più complessa la presenza del "Cavour" alla Spezia dove è previsto il dover lasciare spazio (anche con un potenziamento del molo Varicella 2) alla grande unità Trieste, una portaerei anch’essa, che deve finire i lavori al Muggiano e poi passare in Arsenale per gli ultimi allestimenti. I lavori sul "Cavour", in linea con quello già avvenuto, sono necessari per garantire la capacità di gestione della componente aerea che sarà basata sui nuovi caccia F 35. Mentre i lavori su "Doria" e "Duilio" sono necessari per prolungarne l’operatività. Il piano prevede una copertura sino al 2023. Entrambi i bandi di indagine di mercato erano stati emessi a metà del 2021. Questi programmi rientrano nelle attività di standardizzazione delle produzioni navali, ovvero nel cercare di installare tecnologie sempre più moderne su navi a metà della loro vita operativa, come per i cacciatorpediniere, o per sviluppare il potenziamento di una nave come la portaerei "Cavour". Nel primo Fincantieri potrebbe aprire una finestra di collaborazione con la Francia su due navi gemelle di classe Orizzonte.

©RIPRODUZIONE RISERVATA