In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog
Per superare i divari salariali

Cantieri coreani, più tutele per le ditte in appalto

La Corea del Sud prevede un cambiamento strutturale nel mercato del lavoro della sua industria cantieristica, ha affermato il ministero delle Finanze, assediato dalle crescenti critiche ai costruttori navali che si avvalgono dei subappaltatori

1 minuto di lettura

Kim Jin Suk è stata uno dei simboli delle rivolte operaie in Corea

 

Seoul - La Corea del Sud prevede un cambiamento strutturale nel mercato del lavoro della sua industria cantieristica, ha affermato il ministero delle Finanze, assediato dalle crescenti critiche ai costruttori navali che si avvalgono dei subappaltatori: "Recentemente, le condizioni generali per la nostra industria cantieristica sono migliorate, con il numero di ordini in aumento a seguito della ripresa del mercato cantieristico globale, insieme a prezzi più alti” ha spiegato il ministro delle Finanze coreano, Choo Kyung-ho durante un incontro tra i ministri che governano l’economia del Paese.

Choo tuttavia ha sottolineato che anche il settore sta affrontando sfide, tra cui l'accresciuta concorrenza tecnologica con Cina e Giappone, insieme ai persistenti problemi strutturali nel mercato del lavoro.

Il ministro ha aggiunto che il radicato divario nell'ambiente di lavoro tra i dipendenti dei costruttori navali e quelli dei loro appaltatori ha appesantito la produttività del settore, portando alla fine a un deflusso di lavoratori qualificati dall’industria navalmeccanica coreana, la più importante al mondo, testa a testa con la Cina per qualità e quantità di navi prodotte.

I dati del ministero del Lavoro hanno in effetti dimostrato che i dipendenti delle ditte di subappalto nel settore della costruzione navale guadagnano solo dal 50 al 70% dei salari guadagnati da quelli degli appaltatori.

Il numero medio di giornate lavorative in un anno invece è di 270 giorni per i dipendenti degli appalti, mentre è appena arrivato a 180 giorni per quelle dei contraenti. La Corea del Sud prevede quindi di migliorare gli accordi tra appaltatori e subappaltatori e di rinnovare il sistema salariale esistente per prendere in considerazione compiti e competenze.

Seoul cercherà anche di migliorare l'ambiente di lavoro e il benessere delle società in appalto, inducendo i più giovani a lavorare nel settore. Altre misure includono il miglioramento delle normative sui visti per consentire a un maggior numero di dipendenti stranieri di lavorare nel settore della costruzione navale e la promozione di circa 3.000 lavoratori locali aggiuntivi all'anno.

La Corea del Sud prevede di investire il prossimo anno circa 98 milioni di dollari nello sviluppo di tecnologie chiave nel campo delle navi a guida autonoma e rispettose dell'ambiente. Si tratta di misure che arrivano in un momento in cui Seoul mira a rafforzare la competitività delle sue principali industrie tra le incombenti preoccupazioni per una recessione economica: "Mentre l'alto livello di inflazione continua, anche i rischi al ribasso dell'economia globale sono aumentati, con i principali paesi che hanno lanciato intense misure di irrigidimento della cintura" afferma Choo, aggiungendo che le sfide per l'economia sudcoreana rimarranno ancora "notevoli" per i prossimi anni.

I commenti dei lettori