Nautica, valore aggiunto +15,2% in tre anni

Santa Margherita - Il settore della nautica italiana è in crescita, in valore aggiunto è pari a quasi 12 miliardi di euro e coinvolge circa 17 mila addetti alla costruzione, 105 mila nella subfornitura ai cantieri e nella componentistica, 39 mila nelle riparazioni e nel refit e nei servizi, 20 mila nel turismo e commercio

Santa Margherita - Il settore della nautica italiana è in crescita, in valore aggiunto è pari a quasi 12 miliardi di euro e coinvolge circa 17 mila addetti alla costruzione, 105 mila nella subfornitura ai cantieri e nella componentistica, 39 mila nelle riparazioni e nel refit e nei servizi, 20 mila nel turismo e commercio. Diminuisce il numero di stabilimenti ma aumenta la qualità e il moltiplicatore del valore aggiunto. Sono i dati emersi dalla convention Ucina Satec 2019: «Le capitali della nautica» che si è tenuta a Santa Margherita Ligure. Il convegno ha rappresentato la prima uscita ufficiale del neo presidente di Ucina Saverio Cecchi: «Vedendo questi dati sono orgoglioso di quello che facciamo - ha detto - noi siamo un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese e chiediamo alle istituzioni che ci affianchino concretamente e non con strette di mano e passerelle elettorali». Il comparto è stato fotografato dalla fondazione Symbola e illustrato da Domenico Sturabotti: «È un quadro il nostro in evoluzione - dice - che vede il settore della nautica in crescita in termini di efficienza. Complessivamente nella filiera c’è una riduzione di stabilimenti, in tendenza con tutta la manifattura italiana, ma a fronte di ciò vi è un incremento del valore aggiunto nella filiera cantieristica tre volte maggiore rispetto a quello nazionale e un sensibile aumento degli addetti. L’aspetto interessante è che la produzione cantieristica, che rappresenta il cuore di questa filiera, riesce ad attivare nel resto della filiera 10 volte il numero di addetti e 10 volte in numero di valore aggiunto». Un comparto dunque che attiva molto nell’economia distributiva a livello italiano in cui ci sono due regioni che primeggiano, Liguria e la Lombardia per numero di imprese. Per quanto riguarda la cantieristica, invece, lo studio evidenzia il sorpasso di La Spezia rispetto a Lucca - Viareggio. «La nautica - ha concluso Sturabotti - sta puntando molto sulla qualità rispetto alla quantità di qualche anno fa».


«IL GOVERNO CI ASCOLTI»

«Ci sono alcuni dossier ancora aperti, però il messaggio forte al governo e alle istituzioni è che ci devono far lavorare e ci devono ascoltare. Mi auguro vengano al Salone Nautico con dei risultati veri perché il nostro comparto sta crescendo, sta dimostrando di essere una grande realtà per lo sviluppo del Paese e quindi ci devono ascoltare». Così il neo-presidente di Ucina-Confindustria Nautica Saverio Cecchi, oggi a margine della convention Satec 2019 a Santa Margherita Ligure, dopo il messaggio lanciato dal palco alle istituzioni, rispondendo sulle richieste da parte del settore al governo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: