Dal gruppo Acquera un gestionale sui porti di approdo

Nasce a Venezia la prima piattaforma digitale che consentirà agli yacht di navigare, inizialmente nel Mediterraneo, azzerando i tempi delle procedure burocratiche e ai loro proprietari e ospiti di conoscere in tempo reale l’offerta di servizi e di esperienze esclusive nei porti in cui approdano

Venezia - Nasce a Venezia la prima piattaforma digitale che consentirà agli yacht di navigare, inizialmente nel Mediterraneo, azzerando i tempi delle procedure burocratiche e ai loro proprietari e ospiti di conoscere in tempo reale l’offerta di servizi e di esperienze esclusive di cui potranno giovarsi nei territori turistici, primo fra tutti quello italiano. La piattaforma che è entrata ufficialmente in funzione in queste ore ha circa 40 ambasciatori, ovvero 40 comandanti di yacht che hanno accettato di sperimentare a bordo il valore e le potenzialità di questa piattaforma on-line in grado di automatizzare le procedure (oggi tanto farraginose quanto inspiegabilmente diversificate) da ottemperare per entrare nei diversi porti; verificare la disponibilità di pontili ai quali ormeggiarsi, sapere con un solo clic quanto il “soggiorno” nelle acque di quel dato porto turistico costerà.

La piattaforma, che è stata denominata AcqueraPro, dal nome dell’azienda Acquera (riferimento nel settore yacht) che l’ha progettata e messa in funzione è frutto di oltre dieci mesi di lavoro avviato dal gruppo Acquera di Venezia in collaborazione con un team di esperti informatici; alla base di tutto la volontà di seguire una rotta diametralmente opposta rispetto a quella che caratterizza in molti porti, anche italiani, il rapporto fra armatore e comandante di un mega yacht da un lato, l’agente marittimo che lo rappresenta dall’altro. E l’innovazione si sintetizza in una parola: trasparenza assoluta. Utilizzando la piattaforma lo yacht è in grado di conoscere in Rete, attraverso un calcolatore dei costi portuali, ogni dettaglio dei costi portuali che si troverà ad affrontare, disporrà dell’intera documentazione sulle procedure che potrà essere inviata tutta on-line e in parte già memorizzata e disponibile dal suo agente, conoscere per tempo la disponibilità e prenotare i posti barca.

La piattaforma si pone da un lato come acceleratore e agevolatore per il turismo di lusso, dall’altro come la chiave per far conoscere al mondo dello yachting e quindi alla clientela internazionale della fascia più alta del mercato turistico, tutte le opportunità ma specialmente le eccellenze dei territori. Il progetto lanciato dal gruppo Acquera (che ovviamente in fase iniziale sarà strettamente connesso all’attività e ai servizi offerti dal gruppo stesso) segna comunque una mini-rivoluzione nel mercato dello yachting creando le premesse per una connessione diretta e sino a oggi impossibile, fra armatori, comandanti e territori: “Il lancio di AqueraPro rappresenta l’inizio di un entusiasmante percorso che andrà a rivoluzionare - sottolinea Stefano Tositti, amministratore delegato del gruppo Acquera - l’industria dello yachting apportando, innovazione, trasparenza e miglioramento dei processi operativi e gestionali. Sarà inoltre un elemento di ispirazione e di promozione delle eccellenze dei territori sia a livello di esperienze che di prodotti, focalizzati entrambi alla soddisfazione della clientela che utilizza queste prestigiose imbarcazioni”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA