In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog

Nautica in Liguria, Marina degli Aregai nel mirino della Reuben Brothers

Il fondo internazionale Reuben Brothers ha messo gli occhi sul porto turistico Marina degli Aregai, a Santo Stefano al Mare. Circa 1.000 posti barca, uno dei più grandi del Mediterraneo, un albergo, infrastrutture e compendi immobiliari

Giulio Gavino
2 minuti di lettura

Imperia - Il fondo internazionale Reuben Brothers ha messo gli occhi sul porto turistico Marina degli Aregai, a Santo Stefano al Mare. Circa 1.000 posti barca, uno dei più grandi del Mediterraneo, un albergo, infrastrutture e compendi immobiliari. Dopo aver rilevato la concessione di Portosole a Sanremo, e dopo aver manifestato interesse al project financing per il rifacimento del porto vecchio sempre della città dei fiori, i fratelli Simon e David Reuben sembrano intenzionati ad ampliare la loro presenza nell’ambito dei porti turistici del Ponente. I contatti sono in atto da qualche tempo ma più di recente si sarebbe passati ad una vera e propria trattativa. Ancora una volta Reuben Brothers si confronta con il gruppo Cozzi-Parodi, dal quale aveva già acquisito la concessione di Portosole e l’acquistato l’Hotel Parigi a Sanremo (operazione che si era concretizzata nel 2017). Nulla trapela in merito alle cifre, sicuramente milionarie, dell’operazione.

Gli elementi chiave sono due: da una parte la volontà di Reuben Brothers a continuare ad investire in Italia nel settore della nautica e del turismo, dall’altra le difficoltà economiche del gruppo Cozzi-Parodi, deciso a chiudere gli scenari di indebitamento bancario ritirandosi da Aregai e conservando invece il porto e le strutture ricettivo-turistiche e produttive del porto di San Lorenzo al Mare, concentrandosi grazie ad un’iniezione di liquidità su altre operazioni immobiliari e non rimaste al palo da qualche anno. Con l’acquisizione di Marina degli Aregai, la Reuben Brothers diventerebbe uno dei colossi della nautica da diporto in Italia e nel Mediterraneo, con un potenziale complessivo di oltre 1.700 posti barca nel solo Ponente Ligure (ai quali si vanno ad aggiungere quelli della lussuosissima Turnberry Marina di Miami, al 50% e i cantieri nautici Kristal Waters).

Aregai può ospitare 961 yacht, fino ad una lunghezza massima di 50 metri ed un pescaggio fino a sette metri di profondità. Annesse al porto ci sono le strutture turistico ricettive e gli immobili che ospitano attività produttive (come ad esempio la storica, e olimpica, veleria Zaoli). Una missione di esperti dei Reuben avrebbe già visionato porto di Aregai nelle sue attuali condizioni operative. La parola ora dovrebbe passare ad un esame dei conti economici e della gestione per arrivare infine all’offerta per rilevare la concessione. A questo proposito il prezzo sarà indubbiamente legato alla durata dell’accordo che consente al gruppo Cozzi-Parodi di gestire l’area demaniale marittima. Per quanto riguarda Sanremo, intanto, i Reuben stanno aspettando il via libera della burocrazia per far scattare i lavori destinati a cambiare il volto di Portosole: demolizione dell’ecomostro, realizzazione di un albergo con annessi probabilmente negozi e ristoranti di alta gamma, la sistemazione della viabilità dell’approdo turistico che la città attende da oltre 40 anni. Secondo fonti, ottimistiche, l’operazione potrebbe vedere il primo via ai lavori non prima della fine del 2022.

I commenti dei lettori