Moby e Cin, i commissari di Tirrenia As favorevoli al concordato

I commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria hanno depositato nella serata di ieri il loro parere favorevole al concordato delle due società di navigazione del gruppo Onorato, Moby e Cin

Traghetti di Moby e Tirrenia nel porto di Genova

Genova - E' vicina la soluzione alla procedura di concordato preventivo di Moby e Cin. I commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria hanno depositato nella serata di ieri il loro parere favorevole al concordato delle due società di navigazione del gruppo Onorato. I commissari hanno trovato un accordo per ricevere immediatamente il pagamento di 82 milioni di euro nell'ambito della procedura e così chiudere la loro esposizione verso Cin. L'accordo trovato tra Tirrenia in As e Moby-Cin manca solo la firma del Mise.

Cin (Compagnia italiana navigazione) che fa capo alla famiglia Onorato aveva rilevato gli asset di Tirrenia in amministrazione straordinaria e i commissari vantavano ancora un credito di 180 milioni di euro nei confronti della società di navigazione, pari all'importo dell'ultima tranche concordata per l'acquisto delle navi. Nel frattempo, Moby e Cin hanno presentato richiesta di ammissione al concordato preventivo in continuità al tribunale di Milano e la proposta formulata ai commissari era di versare 144 milioni di euro per chiudere la pendenza: 23 milioni di euro 'subito all'omologa e i restanti 121 milioni di euro nei successivi tre anni'.

Ora è stato raggiunto un diverso accordo con i commissari che, dando parere favorevole al piano concordatario che aveva già incassato l'ok dei principali creditori di Moby (banche e bondholders), hanno trovato un accordo sul pagamento immediato di 82 milioni di euro. Questa intesa arriva dopo che il 24 marzo scorso è stato annunciato che la famiglia Aponte e la famiglia Onorato hanno raggiunto un'intesa finalizzata a un aumento di capitale in Moby da parte del gruppo Msc. Come spiegato in quella occasione, 'l'aumento di capitale è finalizzato a saldare Tirrenia in As per consentire l'immediato risanamento del gruppo Moby'. Restano in calendario le date del 20 e 27 giugno per le adunanze dei creditori rispettivamente di Moby e Cin.

©RIPRODUZIONE RISERVATA