E' morto a Reggio Emilia l'imprenditore Alessandro Fagioli

Cordoglio per la scomparsa di Fagioli è stato espresso anche dal presidente di Unindustria Reggio Emilia, Fabio Storchi: "Ha guidato la sua azienda con grande passione, dimostrando capacità imprenditoriali e un talento indiscusso, insieme ad una fervida vitalità"

Il nuovo ponte di Genova

Reggio Emilia - È morto ieri in ospedale a Reggio Emilia, l’imprenditore Alessandro Fagioli, 81 anni, presidente dell’omonima azienda reggiana leader mondiale nell’attività di trasporti e sollevamenti eccezionali. In corso accertamenti per capire se ci sia o meno un legame tra il decesso ed un eventuale contagio da coronavirus.

«Il Tricolore che illumina il nuovo viadotto di Genova era uno dei sogni del nostro caro presidente Alessandro Fagioli, che tutti noi abbiamo conosciuto per la dedizione, l’energia e la lungimiranza con cui ha portato il Gruppo Fagioli alla leadership mondiale. Persona unica e carismatica - è il messaggio di cordoglio a nome di tutto il cda scritto dal chief executive officer, Fabio Belli - rimarrà sempre nei nostri cuori, consci che continuerà a indirizzarci con il suo straordinario ottimismo verso nuovi e più importanti traguardi». L’azienda Fagioli, tra le altre cose, ha partecipato nella rotazione e rimozione della nave Concordia, è entrata nel progetto Mose di Venezia con l’istallazione di cassoni da 12mila tonnellate fino alla sollevazione della trave per ricostruire il viadotto di Genova.

Cordoglio per la scomparsa di Fagioli è stato espresso anche dal presidente di Unindustria Reggio Emilia, Fabio Storchi: «ha guidato la sua azienda con grande passione, dimostrando capacità imprenditoriali e un talento indiscusso, insieme ad una fervida vitalità. Queste caratteristiche gli hanno permesso - ha ricordato il rappresentante degli industriali reggiani - di portare in tutto mondo la tecnologia ingegneristica reggiana, riconosciuta come eccellente e scelta per i più imponenti e impegnativi progetti infrastrutturali, come, da ultimo, la ricostruzione del Ponte Morandi a Genova. I risultati ottenuti hanno dato lustro all’intera industria italiana a livello internazionale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA