"I fondi per Tirrenia sarebbero serviti a tutti gli operatori"

Roma - Lo Stato avrebbe «potuto e dovuto» investire strutturalmente i 72 milioni di euro di sussidi pubblici stanziati per rinnovo della convenzione a Cin-Tirrenia «a sostegno dell'intero popolo del trasporto, anziché a vantaggio di un unico operatore». Lo afferma il vicepresidente e direttore generale di Alis, Marcello Di Caterina

Roma - Lo Stato avrebbe «potuto e dovuto» investire strutturalmente i 72 milioni di euro di sussidi pubblici stanziati per rinnovo della convenzione a Cin-Tirrenia «a sostegno dell'intero popolo del trasporto, anziché a vantaggio di un unico operatore». Lo afferma il vicepresidente e direttore generale di Alis, Marcello Di Caterina, in un'audizione alla commissione Trasporti della Camera sul decreto Rilancio, dove definisce «inspiegabile» la scelta di prorogare di 12 mesi la convenzione per i servizi marittimi di continuità territoriale con le isole maggiori e minori, senza gara.

In generale, il decreto mostra, per l'associazione logistica dell'intermodalità sostenibile, «scarsa attenzione verso un comparto essenziale per la ripresa dell'intero Paese», quello del trasporto e della logistica e prevede misure «insufficienti» per le grandi imprese. Alis riconosce elementi "positivi", come lo stanziamento per l'anno 2020 di 50 milioni di euro per le misure incentivanti Marebonus e Ferrobonus.

Il riscontro non è però altrettanto positivo - dichiara Di Caterina - per l'autotrasporto ed il trasporto marittimo, nonostante l'intera filiera logistica non si sia mai fermata durante tutta la fase emergenziale. Alis - dichiara Di Caterina - vuole supportare il rilancio dell'economia nazionale al fine di far ritornare il nostro Paese protagonista e competitivo nei mercati internazionali, data l'importanza fondamentale del settore dei trasporti e della logistica per garantire la competitività delle nostre industrie e delle nostre imprese. Per far ciò, e per valorizzare l'intero settore, è opportuno investire maggiormente e strutturalmente in qualità, sicurezza, digitalizzazione e sostenibilità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: