Genova isolata, parzialmente vietata la manifestazione a Roma / IL CASO

La ministra Paola De Micheli, raccontano in una nota, «vorrebbe invece incontrarci in Liguria dove già è venuta per inaugurare la pista ciclabile di Imperia ed ora per presentare la ripartenza dei lavori del Nodo di Genova che dovevano essere conclusi nel 2016!»

Genova - Il comitato "Salviamo Genova e la Liguria" denuncia in una nota di aver appreso «con forte disappunto» che alla manifestazione a Roma indetta per il 22 luglio per protesta contro i forti disagi creati dai cantieri autostradali in regione che la questura non ha autorizzato la presenza di camion, la sede di Montecitorio e la presenza di oltre 100 persone. È «come dirci di non farla», affermano.

La ministra Paola De Micheli, raccontano in una nota, «vorrebbe invece incontrarci in Liguria dove già è venuta per inaugurare la pista ciclabile di Imperia ed ora per presentare la ripartenza dei lavori del Nodo di Genova che dovevano essere conclusi nel 2016!». «Di fatto ci vogliono tenere bloccati a Genova, con le nostre decine di chilometri di code che dobbiamo tenerci solo nel nostro territorio - aggiungono -. Il Comitato rifiuta questo atteggiamento e questo divieto che umilia ancor di più tutti i liguri che stanno soffrendo una crisi di cui l'Italia non si rende conto e la politica non vuole che esca dalla Liguria». Hanno promosso l'iniziativa del comitato varie associazioni di categoria. Il comitato spiega che ascolterà domani le posizioni degli aderenti e comunicherà quindi le proprie decisioni. Da quanto filtrato l'autorizzazione a manifestare a Montecitorio non sarebbe stata concessa perché già occupata da altra iniziativa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA