Maersk si ristruttura, coinvolte 27 mila persone

Copenhagen - È una maxi-ristrutturazione che potrebbe toccare fino a 27 mila dipendenti - quasi un terzo del totale quella annunciata dal colosso della logistica e dei trasporti marittimi Maersk. Il gruppo danese - si spiega in una nota - pensa a una "semplificazione" con l'integrazione dei marchi. Il numero di licenziamenti dovrebbe essere rivelato nei conti del terzo trimestre

Copenhagen - È una maxi-ristrutturazione che potrebbe toccare fino a 27 mila dipendenti - quasi un terzo del totale quella annunciata dal colosso della logistica e dei trasporti marittimi Maersk. Il gruppo danese - si spiega in una nota - pensa a una "semplificazione" con l'integrazione dei marchi della compagnia di navigazione sudafricana Safmarine e della società di spedizioni olandese Damco: quanto al numero di licenziamenti dovrebbe essere rivelato nei conti del terzo trimestre.

Nel 2019, Maersk aveva oltre 83 mila dipendenti in tutto il mondo ma alla luce del forte calo dei trasporti per la pandemia di coronavirus il gruppo pensa a una ristrutturazione nonostante i conti del secondo trimestre abbiano evidenziato, pure con un minore livello di merce trasportata, un utile di 400 milioni di euro circa. Per il vicepresidente esecutivo di Maersk Vincent Clerc, gli interventi puntano a fornire un servizio migliore ai clienti alla luce delle modifiche intervenute nelle catene di approvvigionamento e distribuzione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: