Amazon, patto con Spinelli per sbarcare alla Spezia

Santo Stefano Magra - Amazon arriva davvero nell’area retro portuale della Spezia. Dove l’impronta di Jeff Bezos sarà molto visibile, in tutti i sensi. L’annuncio è di Aldo Spinelli, titolare di una delle aziende leader nel settore logistica e trasporti portuali

di Alessandro Grasso Peroni

Santo Stefano Magra - Amazon arriva davvero nell’area retro portuale della Spezia. Dove l’impronta di Jeff Bezos sarà molto visibile, in tutti i sensi. L’annuncio è di Aldo Spinelli, titolare di una delle aziende leader nel settore logistica e trasporti portuali, che mette a disposizione un’ampia area di sua proprietà nella zona container di Santo Stefano al colosso leader nella vendita online in tutto il mondo: «Si è trattato di un processo lunghissimo dal punto di vista burocratico, ma siamo ormai all’atto finale – dice l’ex presidente del Genoa dei miracoli e del Livorno - Tra gennaio e febbraio 2022 sarà indetta la gara per la realizzazione di un polo ulteriore all’interno della nostra proprietà, costruiremo strutture e infrastrutture che poi metteremo a disposizione di Amazon. Già pronto il contratto e l’intesa: affitteremo per 12 anni con garanzia, più la possibilità di prolungamento per altri sei. Complessivamente si tratta di un investimento che per il mio gruppo significa mettere sul piatto una ventina di milioni di euro. Sono molto emozionato di dare il via a un affare che significherà anche per la provincia della Spezia intera una mole consistente di posti di lavoro. Basti pensare a ciò che abbiamo fatto a Genova, dove per un analoga joint venture ci eravamo impegnati per almeno 100 posti di lavoro. Bene, non sono solo attive quelle unità, ma tra i mesi di novembre e gennaio si sale ad altre almeno 170 assunzioni. Vedrete che sarà qualcosa di straordinario, di molto bello, una vera nuova attività che diventerà leader in quel territorio». Si appresta a trasformarsi in realtà dunque, ciò che era passato abbastanza in sordina lo scorso 16 luglio. Un po’ per il periodo estivo e la canicola, un po’ perché ci si apprestava alla durissima campagna elettorale in vista delle amministrative del 3-4 ottobre, che hanno visto la conferma di Paola Sisti. Quel giorno, il consiglio comunale aveva dato il via libera all’iter tecnico-amministrativo per la trasformazione di quell’area retro portuale nella zona tra le vie Togliatti e Bertone che consta di 41 mila metri quadrati inseriti proprio nella proprietà di Spinelli.

Il progetto, nel dettaglio prevede la realizzazione di un maxi-magazzino da quasi 6.000 metri quadrati, con parcheggi per i dipendenti e stalli dedicati ai van elettrici aziendali. Contestualmente si verificherà la cancellazione dei container che vi trovano posto ancora attualmente, e la qualità della vita di questa zona, tenderà a migliorare perché ci sarà una drastica riduzione del traffico dei mezzi pesanti. Il gruppo di Aldo Spinelli si è anche impegnato a riqualificare le aree verdi circostanti, potenziare l’ illuminazione pubblica, occuparsi della regimentazione delle acque e rimettere in piedi un parcheggio, quello di via Bolano, per oltre 4.000 metri quadrati: «Per quanto riguarda i tempi di realizzazione e l’entrata in funzione a regime del polo Amazon – conclude Spinelli – mi auguro che effettuata la gara e dato inizio ai lavori entro febbraio prossimo, possa essere operativa al massimo a novembre 2022, dunque manca in effetti un anno. Anche se contiamo di accelerare i tempi per quanto possibile, auspicando di dare il via libera anche prima. Insomma, stiamo lavorando affinché la nostra visione del futuro delle aree che abbiamo in portafoglio possa essere la più utile possibile non solo per l’azienda, ma anche per il territorio». Da Seattle, sede principale dell’azienda Usa , alla diffusione in tutto il mondo, il passo è stato breve. Ora vedremo Amazon anche a Santo Stefano, per un 2022 che si annuncia davvero ricco di sorprese.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: