A New York nasce il primo sindacato dei lavoratori Amazon: è un voto storico

Il grande capo Jeff Bezos per ora tace. Qualche mese fa, in una lettera agli azionisti, aveva parlato della necessità di creare un ambiente adatto "al successo dei lavoratori"

La gioia dei dipendenti Amazon

New York - Storico voto per i lavoratori di Amazon negli Stati Uniti. Gli impiegati della sede di New York hanno votato a favore del primo sindacato nei 27 anni di storia del gigante dell'ecommerce.

Non è stata una vittoria schiacciante, 2.654 voti contro 2.131, ma da domani i circa 8.000 lavoratori del magazzino di Staten Island potranno iscriversi alla prima Amazon Labour Union. L'esito di un altro referendum sul sindacato nell'impianto a Bessemer, in Alabama, sarà invece deciso da un giudice per via di oltre 400 voti contesi.

La battaglia per creare il primo sindacato del secondo datore di lavoro privato negli Stati Uniti è stata lanciata da Chris Smalls, un ex impiegato di Amazon licenziato in tronco a marzo del 2020 per aver organizzato una protesta contro l'assenza di misure anti-Covid nel magazzino di Staten Island. In pochi credevano che il 32enne afroamericano sarebbe riuscito nella sua lotta, iniziata con pochi dollari raccolti sul sito GoFundMe ad aprile dell'anno scorso. Ma dopo la pandemia sono sempre di più negli Stati Uniti i lavoratori che si stanno muovendo in direzione di un sindacato. Uno per tutti il caso clamoroso degli impiegati di un caffè Starbucks a Buffalo che, a dicembre, hanno dato vita alla prima confederazione in 50 anni di storia dell'azienda. Mentre anche in Italia prosegue il confronto tra sindacati nazionali e Amazon per garantire tutele e condizioni di lavoro umane agli impiegati, negli Stati Uniti gli occhi sono ora puntati sull'Alabama.

I risultati preliminari del voto mostrano una vittoria del no con 993 voti a fronte degli 875 dei favorevoli al sindacato. Ci sono però 416 voti contesi. L'ipotesi di un sindacato era stata già bocciata nel 2021 dai dipendenti, ma il Retail, Wholesale and Department Store Union aveva fatto ricorso sull'esito del voto influenzato dalle pressioni di Amazon sui dipendenti per dire no.

Anche a New York il gigante delle spedizioni è stato accusato di aver utilizzato minacce e tattiche di sorveglianza per fermare il tentativo dei suoi dipendenti di organizzarsi in un sindacato. Il grande capo Jeff Bezos per ora tace.

Qualche mese fa, in una lettera agli azionisti, aveva parlato della necessità di creare un ambiente adatto "al successo dei lavoratori" bollando come "inaccurate" le accuse di condizioni inadeguate e non sicure in molti degli stabilimenti dell'azienda e tuttavia promettendo soluzioni per ridurre gli incidenti sul lavoro che, per il 40%, riguardano disturbi muscoloscheletrici.

Chissà se dopo il voto storico di New York gli è arrivato il messaggio. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA