In evidenza
Sezioni
Shipping
Transport
Blog

Maersk, al via il portale unico dei pagamenti

Il gruppo Maersk ha modernizzato la sua infrastruttura economica, in parte anche con l'aiuto di Stripe, la piattaforma statunitense di infrastruttura finanziaria per le aziende. Ogni giorno, 85 milioni di pacchi e documenti vengono consegnati a livello globale

2 minuti di lettura
(afp)

Genova - Il gruppo Maersk ha modernizzato la sua infrastruttura economica, in parte anche con l'aiuto di Stripe, la piattaforma statunitense di infrastruttura finanziaria per le aziende. Ogni giorno, 85 milioni di pacchi e documenti vengono consegnati a livello globale e l'80% del volume totale degli scambi avviene via mare. Di fronte a un carico di lavoro così grande (e in aumento), due terzi delle società di logistica riconoscono di dover ancora trasformare le proprie operazioni per stare al passo con i tempi. Tuttavia, Maersk ha ben presto riconosciuto la necessità di rinnovare la propria infrastruttura: “Abbiamo iniziato questo viaggio alcuni anni fa, perché sapevamo che questo era il futuro e volevamo modernizzarci per offrire un servizio migliore ai nostri clienti. Abbiamo reso più semplice per le persone spedire e tracciare i propri ordini da un capo all'altro del mondo, tramite un semplice clic" afferma Navneet Kapoor, responsabile Tecnologia e informatica della Maersk.

Come parte integrante della propria strategia di modernizzazione, Maersk aveva la necessità di trovare il socio giusto per sostenere un elemento cruciale delle sue operazioni: i pagamenti internazionali. L'attività globale dell'azienda è intrinsecamente complessa, con requisiti bancari, valute e metodi di pagamento più utilizzati che variano da regione a regione. Un unico metodo uguale per tutti non avrebbe funzionato, motivo per cui Maersk si è rivolta a Stripe: "Sapevamo che i clienti volessero collaborare con noi quando volevano e da dove volevano - spiega Kapoor -. La creazione di un sistema di pagamento che consentisse questa flessibilità è stato un tassello essenziale del puzzle. Abbiamo capito che Stripe era dotata di un'infrastruttura moderna all’altezza: si è rivelato il partner giusto per aiutarci a raggiungere questo obiettivo".

Prima di collaborare con Stripe, le operazioni di pagamento di Maersk erano frammentate su più fornitori: uno per la tokenizzazione, un altro per l'elaborazione dei pagamenti e un terzo per la gestione dell'autenticazione di sicurezza. Destreggiarsi tra diverse soluzioni non sempre interoperabili causava inutili inconvenienti in un contesto già complicato. Con Stripe, Maersk ha combinato questi sistemi disparati in un unico portale di pagamenti agile. I clienti sono ora in grado di effettuare transazioni attraverso un cruscotto capace di supportare metodi di pagamento che in precedenza Maersk non era in grado di accettare, come le carte di credito. Il portale varia inoltre anche a seconda dei requisiti bancari locali e offre ai clienti internazionali punti vendita localizzati: “La definizione dei metodi di pagamento preferiti a livello locale è essenziale per andare incontro alle esigenze dei nostri clienti. Fin dall'inizio e nei momenti più cruciali, Stripe ci ha supportato per garantire che la nostra infrastruttura funzionasse perfettamente su più mercati - conclude Kapoor -. Questo approccio diventerà sempre più importante nell’ottica di espandere e consolidare la nostra posizione di leader mondiale nella logistica".

I commenti dei lettori