In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog
Rilanci verso Padova, Modena e Bari

Nuovo accordo tra Gts e Consthip sulla Melzo-Rotterdam

A partire dal 12 dicembre prossimo, l’operatore ferroviario Gts e il gruppo logistico Contship Italia avvieranno una nuova collaborazione sulla tratta che va da Melzo fino al terminal Botlek del porto di Rotterdam, andata e ritorno

1 minuto di lettura

Il centro logistico di Melzo

 

Roma – A partire dal 12 dicembre prossimo, l’operatore ferroviario Gts e il gruppo logistico Contship Italia avvieranno una nuova collaborazione sulla tratta che va da Melzo fino al terminal Botlek del porto di Rotterdam, andata e ritorno: “Questo collegamento – spiegano dalla Gts – permetterà di ottimizzare l’intermodalità e contrastare lo stallo dei volumi delle merci e il caro energia”.

A fare da operatore intermodale ferroviario per Contship Italia sarà la Hannibal, marchio della controllata Sogemar, che è già attiva su quel percorso con tre viaggi a settimana. La Gts si inserirà in questa attività partendo da Bologna e intercettando il transito Rotterdam Botlek su Melzo, da dove sarà poi possibile proseguire per Padova, Modena e Bari.

L’unione dei due servizi prevederà partenze giornaliere con un importante incremento della quantità e qualità della circolazione delle merci. Il terminal di Botlek, grazie alla sua strategica posizione nel cuore dell’Europa, consente connessioni giornaliere con il Regno Unito, dove arriverà tramite la compagnia di navigazione Cldn Ferry.

La trazione ferroviaria verrà affidata all’operatore svizzero Sbb Cargo International. La movimentazione delle merci su Rotterdam sarà così composta:
- Melzo-Rotterdam Botlek, sei circolazioni settimanali (Gts+Hannibal);
- Melzo-Rotterdam Rsc, 10 circolazioni settimanali (Hannibal);
- Segrate-Rotterdam Botlek, sette circolazioni settimanali (Gts).

Per Matthieu Gasselin, amministratore delegato della Sogemar, “con questo nuovo progetto, dopo quello avviato ad ottobre 2022 sulla tratta Genova-Padova, la collaborazione con Gts si sviluppa anche sui traffici internazionali. Siamo sempre più convinti che il modello vincente per affrontare le sfide attuali come il caro energia, i problemi di infrastrutture e il rallentamento dell’economia sia basato sulla collaborazione, dove ognuno mette a fattore comune i propri punti di forza, il tutto a tutela dei clienti che credono sempre di più nell’intermodalità."

Aggiunge Alessio Muciaccia, ad della Gts: “Rafforzare le nostre partnership per noi è sempre un valore aggiunto e questa nuova collaborazione lo è sicuramente. Il 2023 sarà un anno di transizione molto particolare dove i costi della ferrovia aumenteranno in modo importante, soprattutto per effetto della componente energetica con volumi trasportati in stallo se non in decrescita. Il modello sinergico che abbiamo creato ci consentirà di ottimizzare le risorse impiegate aumentando la qualità del servizio”.

I commenti dei lettori