Usrso (FdI): «Dalle Zes grandi opportunità per i porti di Genova, Venezia e Trieste»

Roma - «Grazie a FdI da oggi nelle aree portuali di Genova, Venezia e Trieste si potranno finalmente realizzare poli di sviluppo logistici, economici e produttivi con le agevolazioni previste per le Zone Economiche Speciali (Zes).

panorama

Roma - «Grazie a FdI da oggi nelle aree portuali di Genova, Venezia e Trieste si potranno finalmente realizzare poli di sviluppo logistici, economici e produttivi con le agevolazioni previste per le Zone Economiche Speciali (Zes). Una grande opportunità che risponde finalmente alle richieste del sistema produttivo e di quei territori, come Genova e Venezia che, stanno affrontando gravi emergenze». Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, responsabile del Settore Impresa di FdI. «Infatti - prosegue -, stanotte è stato approvato dalla Commissione Bilancio del Senato un emendamento del relatore, che recepisce di fatto quelli presentati da FdI che prevedevano appunto l’estensione delle agevolazioni previste per le Zone Economiche Speciali (Zes) del Mezzogiorno anche alle Zone Logistiche Semplicate (Zls) per le aree portuali del Centro Nord».

«Siamo soddisfatti, quindi, che finalmente il Parlamento abbia approvato quella che è una battaglia storica di Fratelli d’Italia, che abbiamo condotto sin dall’inizio di questa Legislatura attraverso il disegno di legge 732, presentato il primo agosto 2018, e poi riproposto in ogni passaggio parlamentare compatibile, sotto forma di emendamenti: il primo decreto fiscale del 2018, il decreto Genova, la scorsa legge di Bilancio, il decreto Semplificazioni e quello Crescita e adesso la manovra in discussione, dove finalmente è stato recepito. Senza dimenticare che il governo già lo scorso anno aveva accolto un nostro ordine del giorno in tal senso. Avevamo chiesto proprio nel recente dibattito sull’emergenza che ha colpito Venezia, che il governo recepisse finalmente le nostre proposte come una delle risposte da dare per lo sviluppo dell’area» conclude Urso.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: