Gruppo Morandi, battezzato l'ultimo colosso

E’ stata battezzata lunedì mattina, presso il porto di Ancona, la nuova gru Lhm600 del gruppo Morandi. Si tratta del più potente ed ecologico macchinario dello scalo portuale.

Ancona - E’ stata battezzata ieri mattina, presso il porto di Ancona, la nuova gru Lhm 600 del gruppo Morandi. Si tratta del più potente ed ecologico macchinario dello scalo portuale, che aprirà una nuova fase nello sviluppo dei traffici internazionali: “Abbiamo sostenuto un investimento di oltre 4 milioni di euro per l’acquisto di questo nuovo mezzo all’avanguardia, che coniuga al massimo livello efficienza e tutela dell’ambiente – ha dichiarato Andrea Morandi, amministratore delegato dell’omonimo gruppo -. La gru è un primato assoluto per il nostro scalo, in termini di potenza e tutela ambientale. E’ inoltre la terza in tal senso anche a livello nazionale”.

La nuova gru è targata Ase, la società del gruppo Morandi che fornisce servizi terminalistici per l’imbarco/sbarco, per il trasporto merci e per il trasporto misto merci e passeggeri (navi ro/pax), ed è in dotazione al Terminal Rinfuse Banchina 25.

Ha una portata massima di 144 tonnellate e una lunghezza braccio di 58 metri. Sul fronte della tutela ambientale, è dotata di un eco-software che consente al motore di lavorare sempre al minimo della potenza richiesta, riducendo sensibilmente i consumi e le emissioni di CO2.

E’ inoltre già predisposta ed equipaggiata con Edrive per l’alimentazione elettrica. Il mezzo garantisce massima efficienza e sicurezza durante le manovre. La struttura reticolare del braccio a sezione quadrata consente maggiore precisione nei movimenti, mentre il cilindro posto nella parte superiore assicura maggiore vicinanza alle murate della nave e piena sicurezza nelle operazioni.

L’impronta a terra della sala macchine elimina i rischi di collisione, mentre al sistema antincendio tradizionale si affianca il sistema di chiusura automatico delle prese d’aria della sala macchina e il sistema videocamera collegato con il monitor dell’operatore in cabina di comando.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: