La Spezia, bufera sul sindaco. Bucchioni: "Su Contship frasi sconcertanti"

Il primo cittadino aveva dichiarato che se entro gennaio il terminal Lsct del gruppo Contship non avesse emesso l'atteso bando per l'ampliamento di molo Garibaldi, l'Authority avrebbe dovuto revocare le concessioni

Il porto della Spezia

La Spezia - «Sconcerto» è quanto esprime il presidente dell'associazione agenti marittimi del porto della Spezia Giorgio Bucchioni, già presidente dell'Autorità portuale, sulla presa di posizione del sindaco Pierluigi Peracchini sui ritardi di Contship. Il primo cittadino aveva dichiarato che se entro gennaio il terminal Lsct del gruppo Contship non avesse emesso l'atteso bando per l'ampliamento di molo Garibaldi, utile a liberare dai container Calata Paita dove sorgerà il nuovo terminal crocieristico, l'Authority avrebbe dovuto revocare le concessioni relative. Bucchioni ha inviato una lettera aperta al sindaco esprimendo «sconcerto per l'evolversi di un conflitto da te innescato con il maggior operatore del porto spezzino che ci riporta a tempi che speravamo archiviati. Può darsi che Lsct sia in ritardo rispetto agli impegni di investimento. Sono ormai 50 anni che Contship è protagonista e traino dello sviluppo del porto e dell'economia della città con risultati importanti per l'occupazione. Lsct, negli anni, è in credito per la mancata esecuzione da parte del pubblico sia per la realizzazione del Piano Regolatore Portuale che per i dragaggi dei fondali. Ritengo quindi ingenerosa oltreché pericolosa la tua posizione che può collocare la vicenda in un elenco di disaffezione degli investitori internazionali».

Sulla questione interviene anche Legambiente La Spezia richiamando a una «riflessione sullo stato di attuazione delle prescrizioni ministeriali allegate alla Valutazione di Impatto Ambientale connessa all'approvazione del Piano Regolatore Portuale. Rumori, polveri e consumi di suolo e mare dovevano rientrare in un contesto di gestione integrata del porto, di città e di Golfo, mentre ormai il dibattito si sta appiattendo sul gioco a incastri di Calata Paita e Molo Garibaldi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA