Primo trimestre -10,5% per il porto di Venezia

Venezia - Il volume di traffici in entrata e in uscita dal porto di Venezia nel primo trimestre 2020 si attesta su 5,7 milioni di tonnellate, dato in flessione del 10,5% rispetto al primo trimestre dell’anno scorso. In calo rispetto allo stesso periodo del 2019 tutti i principali dati aggregati riferiti al traffico merci

Venezia - Il volume di traffici in entrata e in uscita dal porto di Venezia nel primo trimestre 2020 si attesta su 5,7 milioni di tonnellate, dato in flessione del 10,5% rispetto al primo trimestre dell’anno scorso.

In calo rispetto allo stesso periodo del 2019 tutti i principali dati aggregati riferiti al traffico merci: rinfuse liquide (prodotti petroliferi in genere) -1,4% con 2,2 milioni di tonnellate, rinfuse secche (minerarie e alimentari) - 32,2% con 1,2 milioni di tonnellate, carichi convenzionali -3,2% con 2,3 milioni di tonnellate, mentre i contenitori con un -2,1% equivalente a 139 mila teu, hanno tenuto meglio di altri comparti, almeno per il momento, grazie alla funzione interamente di destinazione garantita dallo scalo veneto.

Per quanto riguarda il forte calo della movimentazione del carbone (-300 mila tonnellate circa), si segnala che questo dipende dalla futura riconversione a gas della centrale Palladio in osservanza delle indicazioni contenute nella Strategia energetica nazionale. Le toccate complessivamente scendono a 588 rispetto alle 627 dell’anno scorso (-6,2%). Crolla, inevitabilmente, del 65,7% il numero dei crocieristi che arriva a soli 5.653 passeggeri nei primi mesi dell’anno. Cala del 43,4% anche il numero dei passeggeri dei traghetti che non superano le 7.292 unità. Dopo un 2019 di significativa crescita, anche il porto di Chioggia risente della contrazione globale. Con 220 mila tonnellate il volume di traffici si attesta su un valore di -35,8% rispetto al primo trimestre del 2019. In calo del 67,6% i general cargo che raggiungono quota 52 mila tonnellate e del 7,8% il dry bulk che registra 167 mila tonnellate movimentate.

Il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Pino Musolino, dichiara: "Gli effetti della pandemia nel mese di marzo trascinano in basso le statistiche dei porti lagunari, che già negli ultimi mesi dell’anno passato avevano dimostrato di accusare il colpo del rallentamento della manifattura e dell’incertezza dei mercati a livello globale. Così i nodi irrisolti della burocrazia, che ostacola da troppo tempo l’avvio di opere necessarie, in primis il mantenimento dei fondali alla quota prevista dal piano regolatore portuale, ci lasciano ancora più esposti rispetto alla tempesta abbattutasi sul mondo, che potrebbe provocare nel 2020 una contrazione del 32% del commercio globale a detta dell'Organizzazione mondiale del commercio. Il fenomeno pandemico - aggiunge Musolino - sta mettendo in moto anche dinamiche poco limpide che finiscono per aggravare la situazione. E’ il caso dell’agroalimentare, dove le variazioni delle rotte commerciali sono dovute soprattutto ad aumenti repentini di prezzo delle materie prime che hanno portato, ad esempio, a una riduzione delle esportazioni di grano dalla Russia e a un aumento delle operazioni speculative. Analogamente, nel mercato petrolifero a marzo abbiamo assistito a un brusco calo dei volumi movimentati a causa della fluttuazione dei prezzi e al calo dei consumi ma si è osservato anche un aumento dei noli di navi che vengono utilizzate solo come magazzini a fini speculativi. Dal punto di vista delle dinamiche di importazione ed esportazione, nel mese di marzo a fronte di un calo del 29,9% delle importazioni si assiste a una crescita del 5,2% delle esportazioni. E’ il segnale che le aziende stanno producendo andando ad esaurire le materie prime rimaste, è prevedibile quindi un ulteriore e significativo calo dell’export nei prossimi mesi quando le scorte saranno esaurite. Ecco perché adesso dovrebbero essere sostenute tutte le imprese e le attività, per permettere di essere attivi e reattivi al momento del rebound, che si spera arrivi entro la fine del corrente anno. Ci attendono mesi difficili - conclude Musolino - ma non dobbiamo disperare, anzi occorre lavorare uniti per riguadagnare competitività e recuperare il terreno perduto nel più breve tempo possibile. Confido che questa crisi abbia aperto gli occhi a quanti in passato hanno creduto che il porto, le imprese e l’occupazione garantita fossero elementi da considerare nemiche del nostro territorio. Mi auguro che possa realizzarsi una fase nuova, dove le scelte a favore del potenziamento delle attività portuali, dell’insediamento di nuove attività produttive, innovative e sostenibili, e del rilancio della buona occupazione saranno finalmente valutate da tutti come scelte essenziali per il bene e il futuro di tutta la comunità".

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: