Mercato, campus universitario, hotel, centro salute: ecco il progetto del nuovo Hennebique

Alla parte commerciale del progetto è dedicato il maggior spazio: un grande mercato coperto al servizio della città e dei turisti che approderanno a Genova con le navi da crociera.

di Simone Gallotti

Genova - Alla parte commerciale del progetto è dedicato il maggior spazio: un grande mercato coperto al servizio della città e dei turisti che approderanno a Genova con le navi da crociera. Ma ci sarà una porzione consistente dell’edificio riservata agli studenti, oltre che alle strutture ricettive e persino alla clinica diagnostica. Il nuovo Hennebique comincia a prendere forma, anche se per ora solamente sulla carta. Il gruppo Vitali, che guiderà la rinascita dell’ex silos del grano del porto di Genova insieme con Roncello Capital, ha firmato una proposta (chiamata “H49”) di 42 pagine che il Secolo XIX-The MediTelegraph è in grado di anticipare.

I sei elementi di H49
Nella parte a Ponente dell’edificio dovrebbe sorgere un nuovo albergo “a disposizione del flusso turistico derivante dagli attracchi navali”. Si tratta di un hotel da 240 camere disposte su 8600 metri quadrati a partire dal secondo piano. Al piano terra invece troverebbe spazio un enorme “Harbour marketplace”: in quasi 10 mila metri verrebbero installate attività commerciali “a supporto delle attività crocieristiche per valorizzare i prodotti del territorio del made in Italy”. E’ il grande centro commerciale per i passeggeri delle navi da crociera con “concept store innovativi”. Gli uffici corrispondono invece al terzo elemento della riqualificazione dell’edificio e occuperanno il corpo centrale con la torretta. Il “Blu Innovation Forum” vale 5 mila metri e ospiterà anche un incubatore di start up legate allo shipping e alla nautica. Ed è la formazione ad occupare un posto di rilievo nella rinascita dell’edificio che diventerà anche il primo campus universitario concepito per questo scopo, nel territorio genovese. Nel progetto ci sono 108 stanze doppie realizzate nel crocevia del sistema universitario genovese, con la facoltà di Economia e commercio a pochi passi dall’Hennebique. Il mondo dello shipping, o almeno i dirigenti, avranno a disposizione anche una residenza temporanea, la “Pop Up city”, con 84 residence per i trasfertisti. Al piano terra lato levante ci sarà poi spazio per la clinica diagnostica: quasi 3 mila metri per “la prevenzione della salute” con un focus su cura e diagnosi e “una palestra per la promozione dell’attività fisica”. Fuori dai sei elementi c’è infine il tetto (il “rooftop”) con 600 metri quadrati di ristoranti e bar con una vista unica sul porto e sulla città.

Le passerelle
Il progetto prevede la pedonalizzazione di quell’area, almeno in superficie. Le auto infatti potranno accedere al complesso da via Buozzi attraverso un varco portuale del viadotto Imperiale, pronte per immettersi nel mega parcheggio sotterraneo previsto dal progetto proprio sotto l’ex silos. E’ prevista anche una nuova passerella pedonale nella Darsena dove ora è installato il sommergibile Nazario Sauro per garantire un ulteriore accesso pedonale da Levante. Servirà anche un elemento che colleghi in modo sopraelevato la stazione marittima con il nuovo edificio. Perché il link con le crociere è strategico e fisico.

Il ruolo delle crociere
L’edificio subirà anche un alleggerimento nella facciata fronte mare con alcune demolizioni che faciliteranno un collegamento dalla Stazione marittima sino al futuro Ponte Parodi. Il ruolo del terminal passeggeri è fondamentale per lo sviluppo del progetto e non è un caso che nelle carte ci sia anche la riprofilatura della banchina di Levante per permettere l’approdo di una nave da crociera in più. Il terminal delle crociere di lusso viene nominato nel piano, e troverebbe spazio a ponte Parodi. E così diventa più chiaro il ruolo di Msc Crociere che potrebbe essere della partita anche se la crisi innescata dal coronavirus ha cambiato - parecchio - le carte in tavola. Quanto interesse rimane in campo da parte di Ginevra lo diranno gli incontri nelle prossime ore.

©RIPRODUZIONE RISERVATA