Yang (Psa): "Con il Sech un'operazione che consolida la leadership nel Nord Tirreno"

I due principali scali del porto di Genova faranno capo ad una società controllata al 62% da Psa, con Gip (finora titolare della maggioranza di Sech) al 38%

Genova - «Questa riorganizzazione fornirà l'opportunità ad entrambi gli operatori di consolidare la loro posizione di porto gateway leader nel Tirreno Settentrionale e nodo fondamentale della filiera nazionale. Permetterà soprattutto alla nuova piattaforma logistica combinata di migliorare l'offerta di servizi alle linee di navigazione, ai caricatori, ai ricevitori ed a tutti gli stakeholder che utilizzano Genova come porto principale per le loro importazioni ed esportazioni». David Yang, ceo Psa per le regioni Europa, Mediterraneo & Americhe spiega con una nota le prospettive dell'operazione con cui assume il controllo azionario e la gestione del terminal contenitori Sech oltre a quello di Psa Genova Pra'.

I due principali scali del porto di Genova faranno capo ad una società controllata al 62% da Psa, con Gip (finora titolare della maggioranza di Sech) al 38%. «La maggiore resilienza finanziaria ed operativa della nuova società le permetterà di affrontare le turbolenze economiche attuali e di emergerne più forte e più competitiva - sottolinea Stephen Nelson, presidente di Gip e Sech -. Nei prossimi anni, Psa e Gip continueranno ad investire nelle proprie strutture e a migliorare la connettività dei terminal, rafforzandone la posizione competitiva sul mercato».

©RIPRODUZIONE RISERVATA