Accordo tra Cdp e i porti della Puglia adriatica

Roma - Cassa depositi e prestiti e Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale (Adspmam) hanno firmato un protocollo d'intesa volto a rafforzare la loro cooperazione per favorire e accelerare la realizzazione di infrastrutture di sviluppo delle aree portuali. Cdp per la prima volta dopo il protocollo d'intesa con Assoporti dello scorso giugno sigla un accordo con un'Autorità portuale

Roma - Cassa depositi e prestiti e Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale (Adspmam) hanno firmato un protocollo d'intesa volto a rafforzare la loro cooperazione per favorire e accelerare la realizzazione di infrastrutture di sviluppo delle aree portuali. Cdp, che per la prima volta dopo il protocollo d'intesa con Assoporti dello scorso giugno sigla un accordo con un'Autorità portuale, supporterà Adspmam fornendo attività di consulenza tecnico-amministrativa per la progettazione, l'esecuzione e lo sviluppo del partenariato pubblico-privato relativamente alle infrastrutture di diverse aree strategiche nei porti di Bari e Brindisi.

Nello specifico, i progetti inseriti nell'accordo riguardano, per il porto di Bari: la riqualificazione del Molo San Cataldo, lo sviluppo dell'approdo turistico e quello del rapporto porto/città. Per il porto di Brindisi, invece, la collaborazione fra Cdp e Autorità portuale si focalizzerà sullo sviluppo dell'area della colmata di Capo Bianco (ex British Gas) per renderla attrattiva per l'insediamento di un operatore terminalista di primaria importanza internazionale.  Cdp affiancherà l'Autorità di sistema portuale in tutte le fasi che porteranno alla realizzazione di queste opere strategiche per i porti e le città in cui si trovano, dalla programmazione all'esecuzione, passando anche per la progettazione e l'affidamento dei lavori. Inoltre, Cdp valuterà eventuali richieste di finanziamento da parte dell'Adspmam individuando le migliori condizioni tempo per tempo praticabili e fornendo il supporto necessario a favorire il perfezionamento delle relative operazioni di finanziamento: «Avere come partner Cassa Depositi e Prestiti, uno dei pilastri dell'economia italiana, conferisce alla nostra azione strategica di infrastrutturazione dei porti di Bari e di Brindisi una solidità economico-finanziaria significativa» spiega il presidente dell'Adspmam, Ugo Patroni Griffi. «Con la firma di questo primo accordo con un'Autorità portuale, Cassa depositi e prestiti rafforza il proprio ruolo nel supportare il rinnovamento infrastrutturale del Paese» aggiunge Fabrizio Palermo, amministratore delegato della Cdp.

La Cassa assisterà infatti l'Adspmam «nella realizzazione di nuove opere strategiche per i porti di Bari e Brindisi, con l'obiettivo di valorizzare e riqualificare le aree interessate anche nell'ottica di favorire ulteriormente lo sviluppo turistico e commerciale. Un primo impegno per la crescita del sistema portuale nazionale che, considerata la rilevanza strategica dei porti e della logistica, avrà effetti positivi anche su altri principali settori dell'economia italiana, favorendone la ripresa» sottolineato Palermo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: