La Spezia e Marina di Carrara accelerano sul fronte green

Alla Spezia, oltre all'elettrificazione delle banchine, un punto di forza è già "il trasporto della merce su ferro, che ora interessa più di un terzo dei contenitori"

La Spezia - I porti della Spezia e di Marina di Carrara sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale. «Stiamo lavorando su più fronti, non solo sull'elettrificazione delle banchine. Più trasporto su ferro, più Gnl e nuovi impianti di raccolta e trattamento rifiuti.Tra pochi anni l'obiettivo di avere due porti green sarà raggiunto». Lo annuncia la presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale Carla Roncallo. Alla Spezia, oltre all'elettrificazione delle banchine, un punto di forza è già «il trasporto della merce su ferro, che ora interessa più di un terzo dei contenitori, ma sul quale si stanno investendo 39 milioni finanziati dal Cipe nel 2016 e se ne investiranno altri 12, recentemente ottenuti dal Mit. L'obiettivo è anche evitare l'afflusso di centinaia di mezzi pesanti con le conseguenti emissioni in atmosfera». Il tema emissioni riguarda anche le navi su cui l'autorità spezzina sta lavorando «insieme a quelle genovese e ravennate, al Tavolo di lavoro nazionale sul Cold Ironing. Nel nostro porto i primi 10 Mw di potenza verranno forniti da Enel nei prossimi mesi al Molo Garibaldi. La potenza resa disponibile da Enel non consentirà di alimentare le navi più grandi - chiarisce Roncallo -, ma si tratta di un passo molto importante che potrà essere poi implementato». Questi interventi, insieme a quelli approntati dai privati, «come l'impianto di raccolta e trattamento dei rifiuti, vanno nella direzione di convertire progressivamente le attività portuali in attività sostenibili e compatibili con la città. Si tratta di processi complessi, le cui tempistiche non possono quindi essere immediate ma, fortunatamente, le risorse sono disponibili. L'obiettivo del green port potrà essere raggiunto sia alla Spezia sia a Marina di Carrara nel giro di qualche anno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA