Green pass, nei porti della Puglia “non sono previsti disagi”

Per quanto riguarda in particolare il porto di Bari, dove si contano più di 500 addetti, il segretario della Uil Trasporti, Pino Raguseo, evidenzia che “la miriade di addetti sono quasi tutti vaccinati”

Bari - Nei cinque porti pugliesi facenti capo all'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale risulta vaccinato più del 90 per cento dei dipendenti delle ditte che lavorano al loro interno, per cui non si prevedono disagi per domani, quando scatterà l'obbligo di Green pass. L'attività informativa è stata coordinata dalla segreteria generale dell'Autority che si occupa dei porti di Bari, Brindisi, Barletta, Monopoli e Manfredonia. Nei giorni scorsi è stata inviata una nota a tutte le imprese portuali chiedendo di conoscere se, per effetto del nuovo Dpcm, si sarebbero potute verificare situazioni di 'pregiudizio' alla normale operatività portuale, incluse le attività connesse ai servizi resi alle navi o all'utenza. Dall'indagine è emerso che si possono escludere forme di protesta o disagi.

Per quanto riguarda in particolare il porto di Bari, dove si contano più di 500 addetti, il segretario della Uil Trasporti, Pino Raguseo, evidenzia che "la miriade di addetti sono quasi tutti vaccinati, anche perché all'interno del porto c'è da tempo un hub". "Se qualcuno non è vaccinato - conclude - ha sicuramente presentato la richiesta di esenzione per motivi sanitari". 

©RIPRODUZIONE RISERVATA