Trieste, portuale conferma: “Sto lavorando senza Green pass”

“Il personale è stato fornito dall'Agenzia per il lavoro portuale del porto di Trieste e quindi sta a quest'ultima controllare se i lavoratori sono dotati di green pass”, ha detto Enrico Samer

La protesta contro il Green pass a Trieste

Trieste - "Ora sono in pausa, ma sono presente sul posto di lavoro. Non ho il Green pass. Mi trovo al terminal di Samer al molo 5". E' quanto ha riferito un uomo qualificato da Stefano Puzzer del CLPT come un lavoratore del porto giuliano durante una telefonata messa in viva voce per farla ascoltare a giornalisti e contrari al certificato verde radunati davanti al varco 4.

"E' una testimonianza importante - ha detto Puzzer - perché dimostra che, se i controlli non vengono fatti, significa che il pass non è uno strumento sanitario, altrimenti questo lavoratore sarebbe libero di mettere a repentaglio la salute altrui, ma e' solo uno strumento economico". Nel corso del suo intervento, il portavoce del sindacato ha anche detto di essere in contatto "con esponenti di forze dell'ordine, vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, per costituire un coordinamento nazionale con loro. Come Coordinamento portuali ci abbiamo messo la faccia con orgoglio, ora vogliamo che la nostra forza si coordini con altre". 

Le reazioni
“Il personale presente oggi a terra, al molo V, al lavoro su treni e container e richiesto da Samer Seaport è stato fornito dall'Agenzia per il lavoro portuale del porto di Trieste e quindi sta a quest'ultima controllare se i lavoratori sono dotati di green pass”. Lo ha detto Enrico Samer, presidente di Samer & Co. Shipping, dopo che Stefano Puzzer, portavoce del Coordinamento lavoratori portuali Trieste, ha telefonato durante una conferenza stampa un lavoratore impiegato che ha ammesso di non avere il pass. "Oggi - ha spiegato Samer - abbiamo chiesto ad Alpt personale per la nave, ma ci hanno detto che non era disponibile. Poi per terra, treno e container al molo V ci hanno fornito un paio di persone. Se queste ultime non sono dotate di Green pass, non va bene, però spetta una verifica al datore ovvero Alpt. Samer Seaport non è nemmeno titolata a farlo".

©RIPRODUZIONE RISERVATA