Da Genova e Savona progetti da 35 milioni per “Green ports”

"Questo traguardo è particolarmente significativo per i porti di Genova e Savona nei quali lo sviluppo della zona portuale è strettamente connesso al tessuto urbano" sottolinea la nota dell'Adsp

Il porto di Genova

Genova - Sono 20, per un valore complessivo che si aggira attorno ai 35 milioni di euro, i progetti inviati dall'Autorità di sistema portuale del Mar ligure occidentale in risposta al bando 'Green ports' pubblicato dal Ministero della transizione ecologica nell'ambito del Pnrr per finanziare interventi di sostenibilità ambientale delle attività portuali. L'obiettivo dei progetti è ridurre le emissioni di CO2 e altri inquinanti, attraverso la realizzazione di impianti fotovoltaici per alimentare l'illuminazione pubblica portuale e fornire energia per la mobilità sostenibile all'interno dello scalo con il traguardo di contribuire ad un porto a impatto zero. Ed è prevista anche la sostituzione del parco macchine dell'Adsp con 21 mezzi operativi totalmente elettrici e 5 alimentati a idrogeno. In particolare a Savona "si prevede la realizzazione di più impianti fotovoltaici "gestiti da una 'port grid' integrata con sistemi di accumulo, che permetterà sia di gestire e controllare gli impianti elettrici, sia di incrementare la sostenibilità del porto" spiega una nota dell'Adsp.

Anche per quanto riguarda Genova si prevedono impianti fotovoltaici nelle aree commerciali e industriali di levante e ponente, più l'installazione di un "elettrolizzatore" per la produzione di idrogeno verde, alimentato dagli stessi impianti fotovoltaici, per alimentare a idrogeno alcuni nuovi mezzi operativi dell'Autorità di Sistema Portuale. "Questo traguardo è particolarmente significativo per i porti di Genova e Savona nei quali lo sviluppo della zona portuale è strettamente connesso al tessuto urbano" sottolinea la nota dell'Adsp.

©RIPRODUZIONE RISERVATA