Porto di Genova, entro marzo stabilizzati 74 soci alla Culmv

"Dopo una lunga trattativa di merito abbiamo trovato la soluzione. Un risultato giusto, atteso e guadagnato sul campo da questi lavoratori" commenta il console Antonio Benvenuti che aveva avviato la trattativa per la stabilizzazione a giugno

Antonio Benvenuti

Genova - Settantaquattro lavoratori della Culmv entro fine marzo saranno stabilizzati passando da soci "speciali" a soci a tutti gli effetti, dopo anni di attesa da precari. L'accordo fatto fra Autorità di sistema portuale, Culmv e sindacati risolve una situazione di precarietà che per alcuni durava fino dal 2008. I 74 (di cui una ventina ex lavoratori della Compagnia Pietro Chiesa, gli altri che avevano iniziato come interinali per poi passare appunto a soci speciali con l'obiettivo di diventare poi soci) non potevano finora essere assunti stabilmente a causa del tetto fissato per legge all'organico della Compagnia Unica.

"Alcuni aspettavano da 13 anni - sottolinea Enrico Poggi, segretario della Filt-Cgil di Genova -. E' un passo importante per la stabilizzazione di questi lavoratori di cui il porto ha bisogno e verso l'organico porto che dovremo andare a perfezionare a breve". Si tratta di personale specializzato, che lavora da anni quotidianamente in banchina, spiegano i sindacati e la Culmv. "Dopo una lunga trattativa di merito abbiamo trovato la soluzione. Un risultato giusto, atteso e guadagnato sul campo da questi lavoratori" commenta il console Antonio Benvenuti che aveva avviato la trattativa per la stabilizzazione a giugno. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA