Il porto di Malta è saturo, Cma Cgm sposta le navi a Taranto

Le navi dirottate da Malta a Taranto sono impiegate nei servizi di linea "SSLMED Black Sea Marmara Morocco Service" (fra Mar Nero, Mediterraneo e Marocco), "SSLMED Femex 1- Aegean Shuttle" (fra Turchia e Nord Europa) e "SSLMED NC Levant Express"

Una nave Cma Cgm

Taranto - Il terminal container di Malta è saturo di navi e di container, non riesce a smaltire tutto, e così Cma Cgm sposta delle navi nel terminal container di Taranto. Undici per ora le unità interessate, tra arrivate e in arrivo. La scelta di Taranto non è casuale in quanto il gruppo turco Yilport, che gestisce in concessione da circa due anni l'infrastruttura pugliese, controlla in parte anche Cma Cgm. 

Quest'ultima sta effettuando a Taranto una serie di scali temporanei in alternativa al porto di Malta. Sinora sono state quattro le navi attraccate al molo polisettoriale, sede operativa del terminal. Si tratta di Mona Lisa (da 3.534 teu e 230 metri di lunghezza), Navios Spring (da 3.461 teu e 239 metri di lunghezza), Cma Cgm America (4.045 teu e 269 metri di lunghezza) e Cma Cgm Alcazar (5.089 Teu e 294 metri di lunghezza). Quest'ultime due navi fino al tardo pomeriggio di Capodanno sono rimaste ormeggiate in contemporanea alla banchina del polisettoriale. Lo scalo delle quattro navi Cma Cgm ha portato a Taranto ed alla società concessionaria San Cataldo Container Terminal, braccio operativo di Yilport, lo sbarco di alcune migliaia di teu aggiuntivi oltre a nuovo lavoro per il personale del terminal (un centinaio di addetti).

Le navi dirottate da Malta a Taranto sono infatti impiegate nei servizi di linea "SSLMED Black Sea Marmara Morocco Service" (fra Mar Nero, Mediterraneo e Marocco), "SSLMED Femex 1- Aegean Shuttle" (fra Turchia e Nord Europa) e "SSLMED NC Levant Express" (che collega i porti del Nord Europa con quelli dell'Est Mediterraneo). Sono ora attese altre sette navi sino a metà mese. Si tratta di Contship Sun il 4 gennaio, di Contship Gin e Northern General il 5, di Elbspirit il 6, di Jaguar il 7, di Charlotta il 12 e infine, per ora, di Yigitcan A il 14. Alla guida del terminal Yilport, dopo l'uscita della manager Raffaella Del Prete avvenuta a metè dicembre, si è intanto insediato Nicolas Sartini, da un anno co-ceo di Yilport, gruppo, quest'ultimo, fondato e diretto da Robert Yuksel Yildirim. Sartini in precedenza era in Cma Cgm. Da vedere se la guida del terminal da parte di Sartini costituisce il dopo Del Prete oppure è solo temporanea.

©RIPRODUZIONE RISERVATA