Gesù (Snam): “Porti in autonomia energetica grazie a fonti rinnovabili e bio-gas”

“Il sistema è già possibile con un mix di fonti per gestire i picchi”. Entro il 2035 l’Italia potrebbe produrre 5 milioni di tonnellate di combustibile

di Alberto Quarati

Genova - Una nave da crociera ferma in porto assorbe circa 10 megawatt di energia: è il dato ricorrente che fa sorgere tre domande ricorrenti sull’elettrificazione di banchina: chi paga la bolletta, da dove far arrivare tutta questa energia elettrica, e come produrla in modo pulito. Secondo Emanuele Gesù, Head Small Scale Lng del gruppo Snam, almeno sul fronte della produzione le risposte potrebbero essere più semplici di quello che si teme.

CONTINUA

©RIPRODUZIONE RISERVATA