Nuova Diga di Genova, offerte in arrivo la settimana prossima

La data che stanno considerando come ottimale per presentare le offerte è martedì prossimo: "Forse con un po’ di ritardo arriviamo a giovedì, ma comunque entro la settimana prossima dovremmo chiudere" spiegano fonti vicine ai due raggruppamenti

di Si. Gal.

Genova - La data che stanno considerando come ottimale per presentare le offerte è martedì prossimo: "Forse con un po’ di ritardo arriviamo a giovedì, ma comunque entro la settimana prossima dovremmo chiudere" spiegano fonti vicine ai due raggruppamenti che hanno manifestato interesse per la costruzione della diga, ma che non avevano partecipato alla gara per la realizzazione. Gli ostacoli, confermano anche fonti dell’Authority, si stanno definendo, anche se il ritmo imposto dalla necessità di accelerare per non dilatare ulteriormente i tempi dell’opera, sta mettendo sotto pressione i tecnici. Il primo scoglio economico potrebbe essere superato con la garanzia del governo a coprire altri 2-300 milioni oltre lo stanziamento già previsto.

La crisi di governo e della maggioranza rende tutto meno stabile rispetto a qualche giorno fa, ma come sanno bene sia le cordate (Webuild da una parte e Gavio-Caltagirone dall’altra) la politica e gli uffici dei dicasteri conducono spesso vite parallele e non necessariamente i destini della prima coincidono con quelli dei secondi. L’altro nodo è legato al rischio geologico. La gara sarebbe andata deserta anche per questo motivo, perché in sostanza le imprese, di fronte a un progetto così complesso, non vorrebbero rimanere con "il cerino in mano". Superato anche questo problema, si potrebbe arrivare alla fine della prima parte della negoziazione privata. Poi bisognerà scegliere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA