Ports of Genoa, la Corte dei Conti approva la gestione 2020

I magistrati: “Il governo acceleri il regolamento concessioni atteso da 27 anni”

Palazzo San Giorgio, sede dell'Autorità di sistema portuale

Genova - La sezione controllo enti della Corte dei Conti ha approvato la relazione sulla gestione 2020 dell'Autorità di sistema portuale del mar Ligure occidentale (Genova, Savona e Vado Ligure) analizzando quadro di riferimento normativo, assetto organizzativo e personale, contenziosi, pianificazione e programmazione e parte finanziaria ed economica.

L'Adsp, sottolinea una nota, "ha ricevuto rilevanti finanziamenti straordinari per la realizzazione di interventi infrastrutturali con conseguente rivisitazione del Piano operativo triennale 2019-2021 e aggiornamento del suo valore a 2,07 milioni di euro". Nel programma ci sono 15 opere, con aggiudicazioni pari a 193 milioni di euro, di cui 155 impegnati. "E' ancora in attesa di approvazione da parte del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili - sottolinea la Corte dei Conti - il Documento di pianificazione strategica di sistema predisposto a partire da aprile 2019, la cui rapida definizione dovrà essere coerente con gli investimenti previsti nel Pnrr".

A proposito del quadro normativo generale con riguardo ai porti la Corte dei Conti segnala l'esigenza della "celere emanazione" del regolamento attuativo sulle concessioni "lacuna normativa che perdura da oltre ventisette anni - sottolinea il documento - che ha fortemente condizionato la concorrenza in un settore caratterizzato dalla naturale limitatezza delle infrastrutture e che è ormai obiettivo del Pnrr da raggiungere entro il 31 dicembre 2022".

©RIPRODUZIONE RISERVATA