In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog
Porti

Porti della Spezia e Carrara, traffico stabile nel 2022

Lo scalo apuano prosegue la sua crescita, in quello ligure i carichi liquidi raddoppiano, gelata di fine anno sui container

2 minuti di lettura

Il porto della Spezia

 (ansa)

La Spezia – Dall’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale fanno sapere che nonostante le incertezze globali che stanno condizionando negativamente diverse relazioni commerciali, entrambi i porti della Spezia e Marina di Carrara, chiudono complessivamente l’esercizio 2022 con segno positivo, dando prova di resilienza.

In particolare, Marina di Carrara prosegue la sua crescita, coinvolgendo tutti i segmenti. Nel dettaglio, il porto della Spezia ha registrato un traffico complessivo in crescita dello 0,6% sull’anno precedente, avendo movimentato 13,1 milioni di tonnellate di merci, di cui 1,9 milioni di rinfuse liquide (+94,8%), 89.500 mila di rinfuse solide (+25,7%) e 11 milioni di merci varie, che hanno registrato un segno negativo (-7,5%).

Il traffico contenitori, soprattutto nella seconda metà dell’anno, ha subìto flessioni con un consuntivo del -8,2% rispetto all’anno precedente. Sono stati movimentati complessivamente 1,26 milioni di teu, ripartiti in 1,22 milioni (-6,9%) di traffico in importazione ed esportazione, e in 39 mila teu (-36,3%) di trasbordo.

I contenitori sbarcati sono stati 624 mila teu (-12%), di cui pieni 368 mila teu (-4,5%), mentre quelli imbarcati sono ammontati a 637 mila teu (-4,2%), di cui pieni 546 mila teu (-9%). Il dato del traffico container si è riflesso sul trasporto ferroviario intermodale del sistema Spezia, che si conferma comunque tra i principali nodi intermodali europei anche nel 2022, con 7.870 treni container (-7,4%), che hanno trasportato 3,2 milioni di tonnellate di merce (-4%).

Positivo il traffico passeggeri delle crociere, che ha registrato una decisa ripresa contrassegnata da 529 mila crocieristi transitati nel golfo spezzino (+391%), movimentati da 245 scali nave.

Nel 2022 il porto di Marina di Carrara ha proseguito il sua scia positiva dei traffici. Rotabili, merci varie, rinfuse solide e carichi speciali hanno movimentato complessivamente 5,5 milioni di tonnellate di merci, in aumento del +60,2% sull’anno precedente, ripartite in 1,6 milioni di tonnellate di rinfuse solide (+403,6%) e 3,9 milioni di tonnellate di merci varie (+25,1%), che hanno compreso 1,3 milioni di tonnellate (+2%) di merci containerizzate, 1,9 milioni di tonnellate (59,9%) di merci su rotabile (esclusi i container) e 678 mila tonnellate di altre merci varie (5,5%).

I container complessivamente movimentati sono ammontati a 101 mila teu (+0,4%), mentre il traffico ro-ro ha registrato 50 mila unità, con un incremento del 58,9% sul 2021, corrispondenti a 619 mila metri lineari (+52,5%).

Anche il traffico ferroviario dello scalo carrarino nel 2022 ha continuato a crescere, con 166 treni (+155%) effettuati, movimentando complessivamente 140 mila tonnellate di merci (+159%).

Infine, per quanto riguarda il traffico passeggeri delle crociere, esordito nel porto di Marina di Carrara in questi ultimi anni, nel 2022 ha ripreso pienamente il suo percorso di sviluppo, con 26 mila crocieristi in transito e 21 scali nave effettuati.

I commenti dei lettori