Coronavirus, l'appello del sindacato: "Ridurre gli acquisti online"

«Un appello ai consumatori per ridurre a quanto strettamente necessario in questi giorni l'acquisto on-line ed evitare così un sovraccarico delle persone che lavorano alle consegne a domicilio oltre che un'ulteriore diffusione del virus» viene lanciato dalla Filt Cgil.

Un magazzino Amazon

Roma - «Un appello ai consumatori per ridurre a quanto strettamente necessario in questi giorni l'acquisto on-line ed evitare così un sovraccarico delle persone che lavorano alle consegne a domicilio oltre che un'ulteriore diffusione del virus» viene lanciato dalla Filt Cgil.
«In queste ore mentre molte attività vengono svolte da casa i lavoratori dei trasporti stanno garantendo alcuni servizi della mobilità delle persone e delle merci. Questi lavoratori lo fanno con senso del dovere, consapevoli che in queste ore il loro lavoro, come quello di tanti altri, può essere d'aiuto alle nostre comunità, per esempio, ad evitare attraverso la consegna a domicilio gli spostamenti delle persone come raccomandato dalle autorità competenti. Trasportano alimentari, merce deperibile, medicinali ma anche tutto quello che i consumatori comprano on-line». Se poi «molte aziende del trasporto merci hanno adottato comportamenti virtuosi che azzerano il contatto fra i lavoratori e i clienti», altre invece «non hanno distribuito neppure i dispositivi di sicurezza specifici per questo tipo di lavoro o hanno dato indicazioni generiche al personale». Di qui l'appello ai consumatori dei sindacati, «convinti che ognuno di noi debba fare responsabilmente la propria parte con un gesto di Solidarietà collettiva».

©RIPRODUZIONE RISERVATA