Niente schermi e nuovi tessuti per i sedili: si volerà così dopo l'emergenza Covid?

Via anche i tavolini richiudibili, sostituiti da vassoi che forniti direttamente dagli assistenti di volo nel momento del pasto e poi riconsegnati per essere ripuliti. Così come non ci sarà più la tasca in tessuto con riviste e brochures

Roma - Sedili che cambiano colore dopo essere stati puliti, divisori dietro ogni fila di posti, luci ultraviolette per annientare germi e possibili particelle di virus. Potrebbero cambiare così le cabine degli aerei in un futuro non troppo lontano, alla luce dell'esperienza insegnata dalla pandemia del Covid-19. Mentre il settore cerca infatti a fatica di recuperare i livelli pre-crisi, c'è già chi comincia a progettare gli interni degli aerei del domani. Un'idea di come potrebbe cambiare la cabina degli aerei arriva dallo studio di design inglese PriestmanGoode, che - racconta sul suo canale viaggi la Cnn - ha ripensato l'economy e la business class con un'attenzione particolare a igiene e distanziamento.

Si parte dalla configurazione con sedili sfalsati per permettere ai passeggeri di stare seduti da soli o in coppia o in gruppo, agli schermi divisori alla fine di ogni fila di sedili per separare i viaggiatori. Spariscono invece gli schermi sui sedili, dando la possibilità ai passeggeri di vedere film o ascoltare musica dai propri dispositivi personali. Via anche i tavolini richiudibili, sostituiti da vassoi che forniti direttamente dagli assistenti di volo nel momento del pasto e poi riconsegnati per essere ripuliti. Così come non ci sarà più la tasca in tessuto con riviste e brochures, mentre le istruzioni sulla sicurezza saranno stampate direttamente sul sedile di fronte. Un'altra innovazione riguarda i sedili che, oltre a non avere cuciture per favorire una migliore pulizia, avranno tessuti trattati con inchiostri termocromici e fotocromici che avranno un determinato colore appena terminata la pulizia, che cambierà appena il passeggero si siede. Si pensa anche ad apposite luci a raggi ultravioletti ('far-Uvc', che secondo recenti studi sono in grado di attaccare virus e batteri nell'aria) per la pulizia della cabina. In business class poi verranno garantiti spazi personali completamente protetti, con tende a tutta lunghezza, sistema di controllo della temperatura, guardaroba e cappelliera personali. Intanto, mentre la società inglese stima che ci vorranno almeno tre anni per sviluppare e certificare questi prodotti, il settore si trova a fare i conti con previsioni sempre più fosche per la ripresa.
Se la Iata si aspetta a fine anno un calo dei passeggeri del 55% e un ritorno ai livelli pre-Covid non prima del 2024, l'agenzia di rating S&P ha appena rivisto al ribasso le stime per fine anno, prefigurando che il 2020 si chiuda con un calo dei passeggeri addirittura del 60-70%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA