"Senza Mercitalia l'Alstom di Vado è a rischio"

Genova- «Il sito di Vado Ligure è un'azienda trainante che ha sempre prodotto utili per il gruppo di Bombardier, che a gennaio è stato acquistato dalla multinazionale francese Alstom. Lo stabilimento ligure è sempre stato un punto di riferimento soprattutto grazie all'alta efficienza, professionalità e flessibilità dei suoi lavoratori» così Chrstian Venzano, segretario Fim Cisl Liguria

Genova- «Il sito di Vado Ligure è un'azienda trainante che ha sempre prodotto utili per il gruppo di Bombardier, che a gennaio è stato acquistato dalla multinazionale francese Alstom. Lo stabilimento ligure è sempre stato un punto di riferimento soprattutto grazie all'alta efficienza, professionalità e flessibilità dei suoi lavoratori. I dipendenti a Vado Ligure sono 450 compreso il service. Per quanto riguarda le attività, Mercitalia, non ha ancora esercitato l'opzione prevista dalla gara vinta da Bombardier a novembre 2017 per ulteriori 20 locomotive, oltre alle 40 già prodotte, opzione che porterebbe un carico di lavoro di sei mesi, importante per dare continuità produttiva al sito», spiega in una nota Christian Venzano, segretario generale Fim Cisl Liguria. E sulle rassicurazioni fatte alla Regione dal Michele Viale, amminiistratore delegato di Alstom, Venzano dice: «È stata espressa la volontà di investire sullo stabilimento di Vado Ligure, questo è positivo ma vogliamo avere certezze sul ruolo strategico e sulla mission che avrà l'azienda che è un patrimonio di tutta la Liguria e non solo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: