In evidenza
Sezioni
Shipping
Transport
Blog

Bellanova: "Per l'autotrasporto ristori su AdBlu e Gnl"

Più direttrici di marcia e un unico obiettivo: “Sostenere il settore che sta attraverso una fase difficilissima e complicata”. Per questo la prima proposta immediata, con cui la viceministra Teresa Bellanova ha aperto il Tavolo Autotrasporto convocato oggi al Mims

2 minuti di lettura

Genova - Più direttrici di marcia e un unico obiettivo: “Sostenere il settore che sta attraverso una fase difficilissima e complicata”. Per questo la prima proposta immediata, con cui la viceministra Teresa Bellanova ha aperto il Tavolo Autotrasporto convocato oggi al ministero per le Infrastrutture e mobilità sostenibili per affrontare le difficoltà manifestate negli ultimi mesi, è stata l’illustrazione della proposta di ristori sulla componente AdBlu e sull’utilizzo del gas naturale liquefatto: “Stiamo ragionando” ribadisce Bellanova “su misure che possano produrre un beneficio immediato mentre è evidente che bisognerà contemporaneamente lavorare anche su strategie più complessive e a lunga durata di sostegno al settore. Per l’Adblu pensiamo a una misura che, riconoscendo un credito d'imposta pari al 15% del costo di acquisto dell’additivo, al netto dell’Iva, riesca a garantire la sostenibilità d’esercizio delle imprese evitando contemporaneamente impatti negativi in termini di missioni climalteranti. Quanto al Gnl, proponiamo che il contributo, sempre sotto forma di credito di imposta, sia pari al 20% delle spese sostenute, al netto dell’Imposta sul valore aggiunto”.

Quindi il raggio d’azione: costituire una task force finalizzata ad affrontare strutturalmente il problema dei costi di riferimento dell’autotrasporto attivando un serrato confronto tra imprese e committenza; procedere rapidamente con il Decreto di riparto del Fondo dedicato e che destina complessivamente al settore 720 milioni in tre anni; avviare un Tavolo permanente per definire policy di settore “in una più ampia visione strategica capace di implementarne competitività, qualità, efficienza”, ha aggiunto Bellanova.

Con un impegno, continua Bellanova: “Lavoreremo perché il prossimo provvedimento del governo contempli risposte funzionali ad affrontare le difficoltà che l’autotrasporto sta affrontando. È un lavoro che faremo in stretto contatto anche con gli altri ministeri interessati. Quelle indicate oggi, lo sappiamo bene, sono solo prime risposte, non risolutive ma definite sulla base delle richieste avanzate dalla rappresentanza associativa e dell’emergenza”. In materia di revisioni, Bellanova ha ricordato come sulla materia sia in dirittura d’arrivo il nuovo regime, volto a “garantire la migliore attuazione della normativa a livello territoriale e a ottimizzare le risorse disponibili, fornendo risposta alle criticità lamentate dalle imprese”.

Quanto al Decreto di Riparto del Fondo autotrasporto, pari a 720 milioni nei tre anni, questa la proposta annunciata al Tavolo e già condivisa con la rappresentanza: 70 milioni per la deduzione forfettaria delle spese non documentate; 140 per la riduzione compensata dei pedaggi autostradali; cinque milioni a finanziare la formazione professionale delle imprese di autotrasporto; 25 milioni di euro agli investimenti per lo sviluppo dell’intermodalità e della logistica e alla sostituzione e ammodernamento del parco veicolare delle imprese.

Sui costi di riferimento del settore, “ho già una mia idea - dice Bellanova - ma, perché sia veramente efficace, ritengo necessario attivare un serrato confronto tra imprese di autotrasporto e committenza, per un provvedimento che incentivi l’utilizzo di un contratto scritto dove sarà obbligatoria la clausola di adeguamento al costo del carburante e un regime per i contratti non scritti orientati ai costi di riferimento pubblicati dal ministero”.

Incontro già convocato oggi per martedì prossimo, alle 13,45. Sul tema autisti e Cqc Bellanova ha voluto innanzitutto annunciare l’istituzione, con la conversione in legge del Milleproroghe, del Fondo Programma Patenti giovani autisti per l’autotrasporto, con una dotazione di oltre 3,7 milioni fino al 2026. Quanto all’ottenimento delle patenti di qualificazione professionale, Bellanova ha chiesto alle direzioni generali competenti e al direttore dell’Albo l’avvio di “approfondimenti congiunti per indicare le semplificazioni da attuare salvaguardando naturalmente la sicurezza stradale e i principi comunitari ineludibili”.

Infine, la proposta di un Tavolo permanente strategico sulle politiche di settore per affrontarne l'evoluzione e quanto necessario ad efficientare e rendere più competitivo il comparto: «Anche qui, proprio per garantire una logica più ampia e risultati che potranno confluire nel Piano generale della Logistica e dei Trasporti», ha indicato Bellanova, «ritengo utile coinvolgere la committenza e se necessario anche altre amministrazioni in una logica di filiera funzionale alla competitività del Paese ed alla crescita del settore».

I commenti dei lettori