Costa Crociere svela le bellezze dell’ammiraglia Costa SMERALDA

Genova - La nave sarà un vero e proprio omaggio all’Italia, ed offrirà un’esperienza di viaggio unica, ispirata allo stile, all’ospitalità e al calore del Belpaese. Il debutto è previsto il 20 ottobre 2019, con la crociera di vernissage di 15 giorni da Amburgo a Savona.

Genova - In occasione dell’edizione numero 25 dei Protagonisti del Mare, Costa Crociere ha presentato in anteprima, con un innovativo sistema di virtual reality, Costa Smeralda, la nuova nave ammiraglia attualmente in costruzione presso i cantieri Meyer di Turku, Finlandia.

Costa Smeralda sarà un vero e proprio omaggio all’Italia, ed offrirà un’esperienza di viaggio unica, ispirata allo stile, all’ospitalità e al calore del Belpaese. Il debutto è previsto il 20 ottobre 2019, con la crociera di vernissage di 15 giorni da Amburgo a Savona. Proprio a Savona, il 3 novembre 2019, verrà festeggiato in grande stile il battesimo di Costa Smeralda. L’ammiraglia Costa sarà all’avanguardia anche dal punto di vista dell’impatto ambientale: sarà infatti la prima nave da crociera per il mercato globale alimentata, sia in porto che in navigazione, a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più pulito al mondo.

«Nel 2018 festeggiamo 70 anni, ma come abbiamo sempre fatto, il nostro sguardo è costantemente rivolto al futuro, all’innovazione e al miglioramento continuo. Per questo sono particolarmente lieto di poter presentare la nostra prossima ammiraglia Costa Smeralda, una nave di nuova generazione che aprirà ulteriori opportunità per portare in crociera nuovi target di ospiti, offrendo loro un’esperienza di vacanza indimenticabile», ha commentato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere. «Con questa nave, ancora una volta abbiamo voluto celebrare il nostro Paese: dal design all’enogastronomia, tutto a bordo di Costa Smeralda racconterà il meglio dell’Italia, da sempre sinonimo di ospitalità e qualità in tutto il mondo».

AMMIRAGLIA DI NUOVA GENERAZIONE, IN STILE ITALIANO

Costa Smeralda sarà un tributo all’Italia, a ciò che rende amato ed apprezzato il nostro Paese nel mondo. A partire dal nome della nave, che rimanda ad una delle più belle aree turistiche della Sardegna, e dal nome dei suoi ponti e delle sue aree pubbliche, ognuno dei quali è tratto da famose località e piazze italiane. Da Palermo (ponte 4), sino a Trieste (ponte 20), Costa Smeralda sarà un vero e proprio tour nel Belpaese, con tanti spazi in cui condividere momenti di divertimento, gusto e convivialità. Il “cuore” della nuova ammiraglia sarà il Colosseo, uno spazio a centro nave dislocato su tre ponti, dedicato ai migliori spettacoli. Gli schermi luminosi sia sulle pareti che sulla cupola offriranno la possibilità di creare una storia diversa in ogni porto di scalo e in ogni momento del giorno, dall’alba al tramonto. Intorno alla piazza ci saranno tutti i principali lounge bar a tema, dove sorseggiare un bicchiere di spumante Ferrari o un Campari, ammirando il mare dalla grande parete a vetrate.

Piazza di Spagna sarà invece una grande scalinata affacciata a poppa, su tre ponti. Il luogo ideale per i momenti di intrattenimento degli ospiti, sia grandi che piccoli, con una balconata all’aperto sull’ultimo ponte il cui pavimento di cristallo farà vivere l’emozione di volare sul mare. Trastevere sarà un’altra piazza, a prua della nave, dove rilassarsi, chiacchierando e godendosi l’esperienza di bar come Il Bacaro veneziano o la Gelateria Amarillo, negozi e intrattenimento musicale in un unico spazio. Un altro punto suggestivo e panoramico sarà la Passeggiata Volare, che raggiungerà il punto più alto della nave a 65 metri d‘altezza. La nuova ammiraglia di Costa Crociere riserverà agli ospiti tante altre sorprese e novità che la differenzieranno dalle altre navi della flotta, a partire dalla presenza di un vero e proprio museo a bordo: il CoDe - Costa Design Museum, che avrà come curatore Matteo Vercelloni. Lo spazio museale si svilupperà su 400m2 e sarà dedicato all’eccellenza del design italiano, tra cui molte firme che hanno contribuito alla realizzazione e al successo della nave.
Non solo la vista, ma anche il palato degli ospiti verrà pienamente soddisfatto: sono infatti 11 i ristoranti a disposizione su Costa Smeralda, tra Teppanyaki, la Pizzeria Pummid’Oro, il ristorante dedicato alle famiglie “Tutti a tavola”, che offrirà anche tante attività di intrattenimento, e il Laboratorio del Gusto, dove preparare la cena prima di gustarla. Non mancheranno poi bar in cui gustarsi in totale relax un drink, come lo Spazio Bollicine di Ferrari Spumante, l’Aperol Spritz Bar sui ponti esterni, l’elegante Campari Bar e molti altri ancora. Tutto da scoprire anche il nuovo Nutella Cafè. A bordo di Costa Smeralda non mancherà uno dei fiori all’occhiello della flotta Costa Crociere: l’area benessere, dotata di salone di bellezza, sauna, hammam, una piscina talassoterapica, 16 sale trattamenti e le stanze della neve, del sale e del relax. Per rilassarsi e godersi il sole saranno disponibili anche quattro piscine, di cui una coperta e due piscine per bambini, ed un ponte piscina riservato.

Chi ama tenersi in forma anche in vacanza potrà contare su una palestra e un campo polisportivo con vista mare. La palestra sarà attrezzata con le ultime novità Technogym, per un’esperienza davvero unica e coinvolgente. Il divertimento sarà assicurato dal parco acquatico con scivoli, teatro, discoteca, casinò, piano bar jazz club, sala giochi e aree dedicate a bambini e ragazzi.

LE CAMERE
Confortevoli ed eleganti, anche le camere rispecchieranno perfettamente lo stile e il gusto italiano. Gli spazi sono infatti stati progettati dallo studio milanese Dordoni Architetti e ripercorrono i colori e le geometrie delle città di riferimento di ogni ponte, donando allo spazio interno luminosità e accoglienza. La nuova categoria di camere con “terrazza sul mare” offrirà una splendida dependance dove fare colazione, sorseggiare un aperitivo o semplicemente godersi il rumore delle onde. Le camere ospiti a bordo di Costa Smeralda saranno in tutto 2.612, di cui 28 suite, 106 camere con terrazza, 1.522 camere con balcone, 168 camere esterne e 788 camere interne.

INTERNI “MADE IN ITALY”
Al fine di creare un’esperienza di design autenticamente “Made in Italy”, gli arredi di Costa Smeralda, l’illuminazione, i tessuti e gli accessori sono stati scelti in collaborazione con prestigiose aziende italiane, come Molteni&C (divani e sedie), Roda (forniture per balconi), Flos (luci decorative), Dedar e Rubelli (tessuti e tappezzeria). Questi marchi fanno parte di una squadra di 15 rinomati fornitori italiani, tra cui figurano anche aziende come Kartell, Poltrona Frau e Alessi.

ITINERARI
La crociera di vernissage di Costa Smeralda, della durata di 15 giorni, partirà il 20 ottobre 2019 da Amburgo, diretta a Savona. L’itinerario prevede soste di due giorni in alcune tra le città europee più ricche di storia e di cultura, come Amburgo, Rotterdam, Lisbona, Barcellona, Marsiglia. Il 4 novembre 2019 sarà la volta della crociera inaugurale 6 giorni, da Savona alla volta di Barcellona, Marsiglia e Civitavecchia. Costa Smeralda continuerà poi a navigare alla scoperta del Mediterraneo occidentale fino ad aprile 2020, offrendo crociere di una settimana che comprendono Savona, Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Civitavecchia e La Spezia.

COSTA CROCIERE PRESENTA IL MUSEO DEL DESIGN A BORDO DI COSTA SMERALDA
Costa Crociere presenta il museo dedicato al design italiano che sarà realizzato a bordo della nuova ammiraglia Costa Smeralda, la cui consegna è prevista nell’ottobre 2019. Il CoDe - Costa Design Collection, raccoglierà l’eccellenza del design italiano, concentrandosi su alcune aree fondamentali dell’innovazione, comprendenti product design, moda, trasporti e cinema. La collezione CoDe sarà un vero e proprio omaggio alla storia del “Made in Italy”, celebrando la grande influenza che tuttora riveste la creatività italiana in tutto il mondo. Una scelta che si sposa perfettamente con il tema di Costa Smeralda, l’Italy’s finest ovvero il “meglio dell’Italia”, e che coinvolgerà gli ospiti proponendo loro i momenti più iconici nella storia del design italiano. CoDe sarà curato da Matteo Vercelloni, un’autorità in tema di architettura e design, professore di Storia di design al Politecnico di Milano, che collabora continuativamente per riviste di architettura e design come INTERNI e Abitare.


«CoDe intende raccontare attraverso una selezione di artefatti, per la maggior parte ancora prodotti dalle aziende italiane, la vitalità di arredi e oggetti che, scavalcando mode passeggere, rimangono dei ‘classici’ del design italiano dagli anni ’30 a oggi», ha dichiarato Vercelloni. «Il museo diventa così come un autoritratto dell’Italia nel tempo; un profilo complesso composto da tante storie». Il museo, disegnato dal direttore creativo di Costa Smeralda Adam D. Tihany, è situato al centro della nave, in modo da incoraggiare gli ospiti a visitarlo più volte durante la loro permanenza a bordo. «Abbiamo deciso di destinare al museo una posizione di rilievo all’interno di Costa Smeralda» ha commentato Tihany «che sia per un breve passaggio o si decida di fermarsi ad ammirare la collezione, CoDe arricchirà l’esperienza a bordo grazie a uno spazio dedicato all’eccellenza dell’Italy’s finest nel design».

«Costa Smeralda sarà un tributo all’Italia, alle eccellenze del nostro Paese che sono amate ed apprezzate in tutto il mondo. Il design italiano è sicuramente una di queste eccellenze. Per cui siamo particolarmente orgogliosi di avere a bordo della nostra nuova ammiraglia un vero e proprio museo dedicato al design italiano, dove sono raccolte anche molte firme che hanno contribuito alla realizzazione e al successo della nave», ha dichiarato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere.

Matteo Vercelloni
Matteo Vercelloni è nato a Milano, dove si è laureato con il massimo dei voti presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano nel 1986. Ha iniziato l’attività professionale durante gli anni universitari, collaborando con il padre Virgilio Vercelloni e la società Uniplan di cui è stato direttore. Nel 1991 ha ricevuto una menzione speciale al Premio Caoduro per la critica architettonica. Docente di Storia del Design al PoliDesign (Politecnico di Milano), ha svolto attività didattica presso la NABA, ISAD, IED e all’Accademia delle Belle Arti di Brera. Vercelloni ha svolto collaborazioni continuative per varie riviste legate al mondo dell’architettura e del design, quali INTERNI, Abitare, Costruire, Flare, Domus, D-Donna, Lotus International e Casabella.
Dal 2000 è consulente editoriale per la rivista INTERNI. Nel 2008 ha iniziato a collaborare con l’architetto Stefano De Feudis a numerosi progetti architettonici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: