Crociere, c'è il via libera del governo

Il comitato tecnico scientifico bollina il protocollo sanitario per la ripartenza

di Si. Gal.

Roma - Il comitato tecnico scientifico ha dato il via libera alle crociere. La riunione con la ministra Paola De Micheli ieri è durata diverse ore, ma lo scoglio della ripartenza delle navi è stato superato, come confermano fonti del ministero dei Trasporti. Il Cts ha bollinato il protocollo sanitario che contiene le misure per salire a bordo in sicurezza: il documento è stato preparato diverse settimane fa dalle compagnie e dalla capitaneria di porto ed era l’ultimo atto prima del via libera.

Oggi ci sarà un passaggio in Conferenza Stato Regioni e poi entro la fine della settimana, forse già venerdì, arriverà il Dpcm che consentirà a Costa Crociere e Msc di poter ripartire. Le due compagnie potrebbero quindi salpare in tempi rapidi, riuscendo a sfruttare il mese di agosto.

Msc schiererà due navi nel Mediterraneo: "Grandiosa" partirà da Genova per crociere di sette giorni che toccheranno anche Civitavecchia, Napoli, Palermo e Malta. In Adriatico la base sarà Trieste, con scali a Bari e poi tre tappe in Grecia a Corfù, Katakolon e il Pireo. Costa dovrebbe seguire questa strategia: l’home port del Tirreno dovrebbe essere Savona con "Smeralda", mentre Venezia (Marghera) sarà la base di partenza in Adriatico.

Entrambe le compagnie per ripartire in sicurezza hanno aumentato i controlli e la mossa servirà anche per tranquillizzare il mercato dopo i casi scoppiati in Norvegia a bordo di due diverse navi che hanno costretto il governo locale a chiudere dopo meno di un mese i viaggi per mare.

Msc ha previsto inoltre un tampone per tutti i passeggeri: l’esito del test arriverà al massimo dopo un’ora. A bordo saranno prese misure per rispettare il distanziamento, i braccialetti elettronici serviranno per monitorare i contatti e le escursioni saranno ammesse soltanto se organizzate dalla compagnia.