Navi dei veleni, allarme M5S in Toscana

Firenze - «Due mesi fa la Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti ha declassificato 71 documenti relativi alle cosiddette “navi dei veleni”» e «non vorremmo mai che nei documenti declassificati ci fosse scritto che alcune sono state abbandonate davanti alle nostre coste».

Firenze - «Due mesi fa la Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti ha declassificato 71 documenti relativi alle cosiddette “navi dei veleni”» e «non vorremmo mai che nei documenti declassificati ci fosse scritto che alcune sono state abbandonate davanti alle nostre coste». Lo afferma il presidente del gruppo M5s in Consiglio regionale Giacomo Giannarelli.

«Dalla risposta dell’assessore Fratoni ad una nostra interrogazione - spiega in una nota - abbiamo appreso che in aprile uno dei consulenti della Commissione d’inchiesta ha richiesto tutta la documentazione regionale sulla vicenda contenuta nel fondo archivistico storico, ricevendo la giusta collaborazione dalla Giunta. Questo potrebbe confermare le nostre preoccupazioni: se lo studio dei 71 documenti declassificati ha spinto ad approfondire gli atti regionali, il coinvolgimento della nostra costa in queste vicende criminali ci sembra confermato». Secondo Giannarelli «siamo d’accordo con la Giunta nell’attendere l’esito dello studio operato dalla Commissione. Aspettiamo a breve di sapere la verità su quante e quali di queste navi dei veleni sono hanno avuto il loro destino legato alla nostra regione».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: