In evidenza
Blue Economy
Shipping
Transport
Blog

Paolo Musso: "Accelleron, giovane realtà dalle solide radici"

Lo scorso 20 luglio, il gruppo svizzero Abb ha annunciato l'intenzione di scorporare Accelleron (ex Abb Turbocharging), la sua divisione Turbocharging, creando un'opportunità unica per entrambe le società. Grazie a questo piano strategico, entrambe le aziende potranno focalizzarsi sulle rispettive attività

Angelo Marletta
2 minuti di lettura

Genova - Lo scorso 20 luglio, il gruppo svizzero Abb ha annunciato l'intenzione di scorporare Accelleron (ex Abb Turbocharging), la sua divisione Turbocharging, creando un'opportunità unica per entrambe le società. Grazie a questo piano strategico, entrambe le aziende potranno focalizzarsi sulle rispettive attività principali e creare valore a lungotermine per i propri stakeholder. Il Managing Director di Accelleron, Paolo Musso nell’intervista che segue delinea le strategie della nuova struttura.

Accelleron giovane brand dalle solide radici. Una grande storia industriale alle spalle per affrontare le nuove sfide del mercato marittimo internazionale e della transizione ecologica?
"Accelleron raccoglie l’eredità di Abb Turbocharging e conferma il posizionamento di leadership sul mercato delle tecnologie di sovralimentazione e soluzioni di ottimizzazione per motori endotermicida 0,5a 80+ MW. Ma non solo. Consapevoli dell’impegno richiesto dalla transizione energetica, una sfida a cuitutto il settore è chiamato a rispondere, Accelleron conferma l’offerta di prodotti innovativi, che contribuiscono a fornire energia sostenibile, efficiente e affidabile al settore marittimo, energetico,ferroviario e di macchine movimento terra. I turbocompressori di sovralimentazione di Accelleron, infatti, sono installati su qualsiasi motore endotermicio alimentato con combustibili alternativi a basse emissioni di CO2. Il nostro scopo è di essere parte attiva nel processo di decarbonizzazione, per rispondere agli obiettivi sanciti dalla Un Climate Change Conference Cop26".

Attuale struttura e obbiettivi da raggiungere a breve-medio termine?
"Nel mondo, Accelleron, oggi impiega circa 2.200 dipendenti e opera in 50 Paesi. In Italia, l’azienda ha in forza circa 60 persone dislocate nelle tre sedi di Genova, Ballò (Venezia) e Teverola (Caserta). A Genova, l’organicoconta 30+ persone ma lastruttura è in continua crescita.La realtà genovese, oltre ad essere la sede principale per l’Italia, ha sotto la sua responsabilità anche le sedi di Malta e di Varna in Bulgaria. In questo nuovo scenario, Genova resta una sede importante per il gruppo, a conferma del tradizionale legame con il territorio e con le altre realtà del settore. Ricordiamo che il turbocharging nasce in Italia nel capoluogo ligure nel 1998 quando ABB decise di investire nella città con il porto più importante a livello nazionale. La strategia di Accelleron è di conseguire una crescita organica basata sulla indiscussa leadership tecnologica nel settore, investendo in qualità, innovazione e ricerca cercando di rendere challanging ed attractive l’ambiente lavorativo avendocomevalori intrinsechi nel Dna la diversità, l’inclusione, operando sempre in un contesto sostenibile".

Reazione dei vostri clienti al nuovo corso targato Accelleron?
"Come Abb Turbocharging, abbiamo creato negli anni rapporti solidi con i nostri clienti, grazie all’alta qualità del servizio, dei prodotti offerti e alla capillarità del nostro network. La nostra esperienza e l’alta professionalità dei nostri tecnici e operatori restano il nostro punto di forza. I nostri clienti hanno recepito che il passaggio da Abb Turbocharging ad Accelleron non andrà a inficiare quanto costruito nel tempo: al contrario il cambiamento è stato percepito come valore aggiunto. Ricordiamo che il nostro servizio è attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette a disposizione dei nostri clienti".

Strategie di sviluppo ed eventuale apertura verso nuovi segmenti di mercato?
"Il core business di Accelleron resta la sovralimentazione. Questo non preclude che il futuro possa aprirci la porta alla diversificazione e a nuovi mercati. Abbiamo ora la possibilità di poter scegliere sulnostro futuro e il futuro del gruppo è quello di essere sostenibili in tutto quello che facciamo e faremo in futuro".

Formazione e aggiornamento professionale dei vostri tecnici?
"In Accelleron la formazione è capillare e continua per tutte le nostrepersone e per tutti i livelli di competenza. In particolare, i nostri tecnici beneficiano di molte ore di formazione coprendo in maniera integrale sia i temi legati alla sicurezza sul lavoro sia alle nuove tecniche specifiche legate alla mansione".

Quali rapportiistituzionali coltiverete?
"Poco meno di un anno fa, veniva inaugurata a Genova la Turbo Academy, un centro diformazione d’eccellenza, aperto agli enti e alle scuole locali e nazionali. In questi ultimi mesi, i docenti della Turbo Academy hanno ospitato gli allievi dell’Accademia Italiana della Marina Mercantile, e in passato sono state attivate collaborazioni con la Marina Militare, l’Università, in particolare con Ingegneria navale, e congli istituti tecnici nautici di Gaeta, Procida e Castellammare di Stabia. Obiettivo della TurboAcademy è istruire gli allievi sui sistemidi sovralimentazione conturbocompressoria gas di scarico installati sui motori endotermici, creando corsi strutturati in base alle esigenze dei vari percorsi di studio. Grazie alla presenza dell’officina, gli studenti possono beneficiare di un percorso che unisce lezioni teoriche alla pratica creando un piano di formazione completo ed esaustivo".

I commenti dei lettori