Ragazza nel trolley, non è la cinese sparita

Rimini - Non era la 36enne cinese Xing Lei Li,sparita alcuni giorni fa durante una crociera con il marito (che è in carcere per omicidio), ma quasi certamente una vittima della denutrizione e delle condizioni di vita precarie

Rimini - Non era la 36enne cinese Xing Lei Li, sparita alcuni giorni fa durante una crociera con il marito (che è in carcere per omicidio), ma quasi certamente una vittima della denutrizione e delle condizioni di vita precarie.

Ancora non si conosce l’identità della donna dai tratti somatici asiatici, alta un metro e settantatre, trovata nella mattinata di sabato all’interno di una valigia abbandonata lungo la banchina del porto canale di Rimini. Ma tutto lascia supporre che sia morta per le precarie condizioni di salute nelle quali versava. Il suo corpo era ridotto praticamente a uno scheletro. E l’autopsia, eseguita ieri mattina, non ha evidenziato cause esterne che possano aver provocato la morte ed esclude il decesso per asfissia o annegamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: