Sms cresce e investe nell’Isontino

Gorizia - Sms, tra i principali gruppi mondiali nella progettazione e realizzazione di impianti siderurgici, con oltre 14 mila collaboratori in tutto il mondo, si espande nell’Isontino. Alle sedi italiane di Tarcento, San Donato Milanese, Genova e Treviolo, il gruppo tedesco si aggiunge ora la sede di Villesse

Gorizia - Sms, tra i principali gruppi mondiali nella progettazione e realizzazione di impianti siderurgici, con oltre 14 mila collaboratori in tutto il mondo, si espande nell’Isontino.

Alle sedi italiane di Tarcento, San Donato Milanese, Genova e Treviolo, che complessivamente contano oltre 520 persone di cui 380 nella regione Friuli Venezia Giulia, il gruppo tedesco si aggiunge ora la sede di Villesse, che potrà contare su una superficie di oltre 300 metri quadrati.

Il taglio del nastro avverrà sabato 7 dicembre: oltre alla dirigenza aziendale parteciperanno il sindaco di Villesse Claudio Deffendi e rappresentanti dei principali istituti tecnici locali e dell’Università di Trieste e Udine: «La nostra azienda negli anni ha saputo affrontare il cambiamento del mondo del lavoro introducendo o incentivando numerose politiche volte a migliorare il benessere delle persone all’interno dell’azienda quali ad esempio - affermano i responsabili delle Risorse umane, Lucia Meden e Claudio Cirio - la flessibilità oraria e il lavoro intelligente. A conferma della volontà di proseguire con queste iniziative volte a migliorare il cosiddetto bilanciamento tra vita e lavoro, abbiamo deciso di aprire la nuova sede con l’obiettivo principale di facilitare i molti collaboratori che risiedono nella zona oltre che ad accrescere le proprie competenze in un bacino ricco di risorse come quello dell’Isontino e dell’area giuliana. Sono molte infatti le posizioni aperte, in particolare in ambito ingegneristico con un focus particolare sull’automazione industriale. La nuova sede sarà un luogo innovativo - spiegano - basato sulla condivisione della postazione e la facilitazione della comunicazione tra i collaboratori attraverso strumenti e organizzazione all’avanguardia. Non ci sarà una postazione di lavoro assegnata ma ogni giorno sarà possibile scegliere la propria postazione in base alle necessità del team di progetto facilitando così il dialogo, lo scambio di informazioni e il processo lavorativo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: