Balza l'utile di Edf

Roma - Edf ha registrato un balzo dell'utile netto nel 2019, gonfiato dai risultati legati alla buona performance dei mercati finanziari e dal settore delle rinnovabili

Roma - Edf ha registrato un balzo dell'utile netto nel 2019, gonfiato dai risultati legati alla buona performance dei mercati finanziari e dal settore delle rinnovabili, che ha raggiunto 5,2 miliardi di euro contro 1,2 miliardi di un anno prima.

Dal gruppo spiegano di aver beneficiato della variazione positiva del valore equo delle sue attività destinate a coprire i costi di smantellamento nucleare e gestione dei rifiuti.

A un livello più operativo, il margine operativo lordo è aumentato del 12% a 16,7 miliardi, nella parte alta delle previsioni del gruppo e al di sopra delle aspettative degli analisti, trainata da buone condizioni di prezzo e attività rinnovabili. Questo nonostante il calo della produzione nucleare in Francia e nel Regno Unito, nonché il calo della produzione idraulica francese. Propone un dividendo di 0,48 euro per azione: «La nostra performance nel 2019 conferma ed estende il rimbalzo registrato nel 2018: in effetti tutti i nostri obiettivi finanziari sono stati raggiunti, siamo un gruppo redditizio» ha salutato detto il ceo Jean-Bernard Levy durante la conferenza telefonica.

L'indebitamento finanziario netto è passato da 33,4 miliardi di fine 2018 a 41,1 miliardi di fine 2019 con l'applicazione di nuovi principi contabili ma anche agli investimenti nel nucleare nel Regno Unito e per distribuzione di contatori intelligenti Linky. Per il 2020, Edf conta su una crescita dell'ebitda in un range compreso tra 17,5 e 18 miliardi di euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: