Demolizioni, servono regole comuni internazionali / GALLERY

Genova - È, in sintesi, la posizione espressa da Gian Enzo Duci, presidente di Federagenti, la federazione di agenti marittimi e broker italiani, al convegno sullo Ship recycling a bordo della nave Bergamini. Intanto TTM festeggia i suoi 50 anni

Genova - «In assenza di una normativa mondiale che riguardi tutte le bandiere, il rischio è che le iniziative pro ambiente nella demolizione delle navi siano trasformate in fattori di competizione fra bandiere e armatori, cioè potrebbero fare spostare navi da una bandiera all’altra per poter effettuare lo smaltimento a costi inferiori». È, in sintesi, la posizione espressa da Gian Enzo Duci, presidente di Federagenti, la federazione di agenti marittimi e broker italiani, al convegno sullo Ship recycling a bordo della nave Bergamini. Il nodo è che le norme per la demolizione ecocompatibile e sicura delle navi in accordo con la convention di Hong Kong del 2009 e l’European ship recycling regulation del 2013 entrata in vigore dall’inizio del 2019 è positiva ma presuppone costi elevati per l’armatore che batte bandiera europea, mentre per gli altri non è obbligatoria.

«Nel momento in cui la bandiera europea deve necessariamente rispondere ad un regolamento che riprende le regole di Hong Kong, deve sostenere costi più alti, e questo non può non impattare sulla competitività. Quando si creano distonie si avvantaggia la bandiera che ha meno limiti da seguire» sottolinea Matteo Catani di Assarmatori, ed è la stessa opinione di Confitarma. La soluzione? «Il mercato lo crei rendendo obbligatorie le regole di smantellamento a livello mondiale oppure la convenienza ad applicarle c’è solo se diventa un aspetto di buona reputazione dell’armatore» commenta Duci.

TTM FESTEGGIA I SUOI 50 ANNI
L’incontro sullo “Shiprecycling” e una delle più moderne fregate della Marina militare non potevano che essere la cornice migliore per festeggiare i 50 anni di Ttm, la rivista del gruppo Gedi dedicata alle tecnologie e ai trasporti del mare

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: