"Porti, pronti a prorogare le misure d'emergenza"

Roma - «Sul traffico merci abbiamo da giugno in poi registrato un ritorno verso livelli molto più elevati rispetto alla fase del lockdown» ma «è del tutto evidente che siamo ancora in una condizione di non equilibrio del sistema». Lo ha detto la ministra dei Trasporti Paola De Micheli, intervenedo all’assemblea di Assoporti

Roma - «Sul traffico merci abbiamo da giugno in poi registrato un ritorno verso livelli molto più elevati rispetto alla fase del lockdown» ma «è del tutto evidente che siamo ancora in una condizione di non equilibrio del sistema». Lo ha detto la ministra dei Trasporti Paola De Micheli, intervenedo all’assemblea di Assoporti. «È ovvio - ha sottolineato - che dobbiamo continuare ad agire, ad ascoltare e provare a fare sintesi insiemme per implementare le misure temporanee ed emergenziali che abbiamo previsto per il 2020. Occorrerà a breve fare una riflessione su quelle più funzionali ed efficaci per immaginare di prorogarle almeno per il primo semestre del 2021, perchè abbiamo come orizzonte la legge di bilancio».

Secondo De Micheli, occore «fare sintesi delle misure migliori da riproporre o riprorne eventualmente di nuove»; ma soprattutto bisogna dare «risposte concrete agli attori che nei porti realmente stanno avendo la più grande parte dei problemi. Consapevoli che ci stiamo muovendo nell’ambito di misure emergenziali e quindi temporanee e replicabili solo per il tempo necessario ad uscire dalla crisi pandemica e riappropriarci del ruolo che dobbiamo avere nel Mediterraneo».

Rivolgendosi agli operatori presenti a Napoli, la ministra ha chiesto di «fare un ragionamento di sistema» e di «elaborare un approfondimento sulle misure messe in campo per l’emergenza in modo da avere un ritorno su quelle che sono state più efficaci, su cui poter fare il punto nel 2021, e su quelle che invece hanno bisogno di una revisione in termini attuativi o normativi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA