Nuova tassa sui container, Merlo: «Pura follia»

Genova - Il balzello porterebbe un extra costo di 15 euro a contenitore. Il presidente di Federlogistica: «È un regalo enorme ai porti nord europei e a quelli nord africani».

Genova - «L’emendamento approvato questa notte, che introduce una tassa sui container imbarcati e sbarcati, per di più anche se vuoti è pura follia». A dirlo è Luigi Merlo, presidente di Federlogistica-Conftrasporto. Il balzello, da un primo calcolo, ammonterebbe a 15 euro a container. «Questo è un regalo enorme che viene fatto ai porti nord europei e a quelli nord africani – spiega Merlo - Il sistema portuale italiano gia oggi fa molta fatica ad essere competitivo, se aggiungiamo altro balzelli, molti traffici finiranno in porti stranieri. Scali come Genova e Savona oggi in grande difficoltà a causa delle limitazioni dei collegamenti subiranno un colpo durissimo da questo provvedimento, così come tutti i porti italiani».

«I promotori di questo provvedimento pensano che con azioni di questo tipo ci possa essere ad esempio qualche terminalista disposto a rilanciare il porto di Cagliari. Anche la motivazione appare incoerente: utilizzare le risorse per finanziare l’agenzia delle dogane. I porti italiani garantiscono all’erario ogni anno entrate per 13 miliardi tra Iva e accise, i soldi per le dogane vanno presi lì, questo provvedimento farà perdere traffico e entrate allo Stato Italiano», aggiunge Merlo. «Questo emendamento tra l’altro è in totale contrasto con altri provvedimenti proposti dal Governo con uno strabismo nelle scelte che lascia allibiti. L’assoluta assenza di consapevolezza del valore della portualità italiana da parte della politica è preoccupante, e mortifica uno dei pochi settori ancora vitali del nostro Paese. Chiediamo vi sia un repentino ripensamento prima che sia troppo tardi», conclude il presidente di Federlogistica.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Argomenti: