Msc domina il mercato delle navi

Nel 2021 il numero di portacontainer vendute ha raggiunto il massimo storico, con 572 unità, per una capacità complessiva di 1,9 milioni di teu, secondo i dati della società di analisi Alphaliner. Regina di queste operazioni è la compagnia Msc della famiglia Aponte

Genova - Nel 2021 il numero di portacontainer vendute ha raggiunto il massimo storico, con 572 unità, per una capacità complessiva di 1,9 milioni di teu, secondo i dati della società di analisi Alphaliner. Regina di queste operazioni è la compagnia Msc della famiglia Aponte, primo operatore del settore, che nel 2021 ha comprato 132 navi usate per una capacità totale di 453 mila teu, pari dunque a un quinto dei contratti per numero di unità e quasi un quarto per capacità.

Segue la francese Cma Cgm, terzo operatore, 46 navi per 150 mila teu. Complessivamente, i volumi di vendita sono stati superiori del 26% rispetto al record precedente del 2017. Tuttavia, va registrato come nel secondo semestre le operazioni di compravendita abbiamo progressivamente subìto un rallentamento, passando da 70 a 25 contratti al mese. Nonostante il record, i prezzi delle navi sono schizzati alle stelle. L’operazione più costosa dell’anno risulta quella legata alla nave “Simba” da 6.800 teu, pagata dalla compagnia Om Maritime di Singapore 132 milioni di dollari: quando venne costruita nel 2015, ne valeva 58.

©RIPRODUZIONE RISERVATA