Genova-Cina, nuova rotta diretta

Genova - Da Ningbo e Shenzen, due porti cinesi fondamentali sulle rotte del commercio mondiale, a Genova. Una linea diretta, senza altre toccate tra lo scalo del capoluogo ligure e il centro del mondo marittimo. Il nuovo servizio cargo porta la firma della compagnia Fastic Logistic rappresentata in Italia da Agenzie Europee Marittime che ha sede a Genova

di Simone Gallotti

Genova - Da Ningbo e Shenzen, due porti cinesi fondamentali sulle rotte del commercio mondiale, a Genova. Una linea diretta, senza altre toccate tra lo scalo del capoluogo ligure e il centro del mondo marittimo. Il nuovo servizio cargo porta la firma della compagnia Fastic Logistic rappresentata in Italia da Agenzie Europee Marittime che ha sede a Genova. Ed è una novità per le banchine genovesi e indica le nuove rotte del mercato del trasporto container. È uno shuttle diretto, senza scali intermedi e con transit-time previsto di 30 giorni che approderà al terminal di Spinelli. «Il momento del mercato è favorevole e la prima nave ha dato già ottimi risultati» spiega Maurizio Panariello, managing director di Aem.

L’esordio ha totalizzato circa 150 movimenti che hanno lasciato soddisfatto l’armatore (un gruppo di operatori inglesi), considerando la capacità ridotta della nave schierata sul servizio, si tratta di un numero interessante. Merito del mercato: con il boom dei noli, la caccia agli spazi in stiva per trasportare la merce è feroce. E gli armatori guadagnano. La Fastic Logistic è già operativa sulla rotta dalla Cina alla Gran Bretagna da tempo «e ora ha voluto estendere il servizio con uno scalo italiano che assicurerà con regolarità almeno una partenza al mese, sempre dai porti di Ningbo e Shenzen e, in caso di problematiche operative legate al Covid, da porti alternativi» spiega Panariello.

La prima assoluta c’è già stata il 4 febbraio, quando è salpata la nave Maritime Sinchai da Taicang. L’arrivo a Genova è previsto l’8 marzo. L’unità non è una portacontainer, ma è in grado di caricare comunque la merce containerizzata dal terminal Gpt, dove peraltro Aem opera già con tutte le altre navi dei servizi dell’agenzia che rappresenta, tra gli altri, la Marfret. La prossima partenza è già stata messa in calendario e fa parte delle tre prove che l’armatore ha richiesto per valutare il servizio. Così la Pacific Victor salperà da Ningbo il 5 marzo e arriverà a Genova l’11 aprile: «Se tutto andrà bene e non ho motivo di dubitarlo, potremo ampliare l’offerta - spiega Panariello - magari con navi diverse o prolungando la rotta verso Liverpool dopo lo scalo a Genova».

©RIPRODUZIONE RISERVATA